Finger's Garden

ZERO hier: Spende tutto quello che ha ma è felice

Kontakte

Finger's Garden Via G. Keplero, 2
Milano

Zeitplan

  • lunedi 20–00
  • martedi 20–00
  • mercoledi 20–00
  • giovedi 20–00
  • venerdi 20–00
  • sabato 20–00
  • domenica chiuso

Bitte überprüfe immer deine Informationen

Preise

Geschrieben von Arrigo Razzini il 27 Mai 2015
Aggiornato il 20 Juli 2016

Dici Finger’s e pensi al ristorante nippo-fusion in Porta Romana, uno dei pochi casi in città di locale alla moda in cui si mangia bene. Merito di Roberto Okabe, geniale chef di San Paolo – dove c’è una grande comunità di giapponesi -, e di Seedorf, che attira gnocche e “bellaggente” manco fossimo a Hollywood (ma non all’Hollywood). I due imprenditori hanno aperto – in una di quelle zone che ti fanno amare Milano (edifici bassi e quiete a un passo dal delirio) – il Finger’s Garden; la seconda, spettacolare, sede del loro ristorante di successo. Un’ex scuola per giapponesi e successivamente centro buddhista restaurata senza badare a spese: si vedano gli interni, ma anche il giardino zen con tanto di laghetto con le carpe. Gli ingredienti sono gli stessi che hanno reso celebre Okabe: dal sushi e maki ai ravioli, passando dal merluzzo nero dell’Alaska e dagli spiedini cotti alla brace (robata), fino a un carpaccio di kobe beef da piangere per quanto è buono. Ogni piatto è uno schiaffo a quella che fino a ieri pensavi fosse la cucina giapponese e fusion.