Annullato

Fri 30.07 2021

Sons of Kemet + Alek Hidell

Where

Villa Ada
Via di Ponte Salario 28, 00199 Roma

When

Friday 30 July 2021
H 21:00

How much

€ 23 + d.p.

Contacts

Sito web

Organizaer

Manifesto Fest

Shabaka Hutchings ormai è un vero e proprio eroe e portabandiera della nuova scena jazz britannica, capace di muoversi tra progetti (da Melt Yourself Down a The Comet Is Coming fino alla formazione con gli Ancestors), ritmi e idee mantenendo il suo suono inconfondibile. Con i Sons of Kemet, dove il suo sax e clarinetto sono affiancati da due percussionisti – Tom Skinner e Seb Rochford, altri nomi fondamentali nella definizione di un sound della Londra contemporanea – e Theon Cross alla tuba, è partito dall’Egitto per arrivare molto lontano.

Il nome del gruppo, proprio come quello di Shabaka, è un riferimento a faraoni e filosofi, le sue radici sono nel mondo dei suoni dei Caraibi – dove Shabaka ha passato l’infanzia, prima di tornare in Inghilterra – mentre seguendo l’idea di afrofuturismo e il modello della Sun Ra Arkestra nei quattro album si sono trovati a coesistere ammiccamenti al dancefloor, citazioni free jazz, melodie mediorientali e richiami alle radici della musica afroamericana. Dal 2011 – attraverso un’attività live indefessa, grazie alla quale quest’estate in Italia potremo godere dei ritmi diversamente indiavolati sia dei Sons of Kemet sia dei The Comet Is Coming – sono arrivati così a pubblicare il quarto album “Black to the Future”, secondo per la storica etichetta Impulse Records, già casa di Coltrane, ma anche di Albert Ayler, Charles Mingus, Archie Shepp e proprio Sun Ra. Un disco che aggiunge ulteriori elementi di black music aprendosi anche al rap – soprattutto nei featuring. Siate preparati a farvi sorprendere con un suono possente e dinamico, anticipato dalle esplosioni electro-tribali del producer sardo in apertura.

Written by Marco Scotti