ven 11.01 2019

Cor Veleno

Dove

Combo Social Club
Via Mannelli 2, 50136 Firenze

Chi

  • Cor Veleno

Quando

venerdì 11 gennaio 2019
H 22:00

Quanto

€ n.p.

0:00
0:00
  • L\'antifona

    Cor Veleno

  • A pieno titolo (feat. Danno)

    Cor Veleno

  • Non costa niente (feat. Adriano Viterbini)

    Cor Veleno

Courtesy of Spotify™

Da romano in visita a Milano, vedere in un megastore del centro “Lo spirito che suona” dei Cor Veleno come top seller nel reparto “rap/hip hop” (nel dubbio, meglio abbondare con le etichette…), sopra a tante stelle e stelline della trap e dei talent show, non poteva che scaldare il cuore e far pensare che per il mondo della doppia H italiana c’è ancora qualche speranza.

Certo, il ricordo di Primo Brown, prematuramente scomparso da già tre anni, è ancora vivo e aiuta l’impatto emozionale di un album che raccoglie le ultime strofe registrate da Primero. Ma l’album dei Corve è tutt’altro che un’operazione tributo in sua memoria. Ci sono prima di tutto l’ennesima, grande produzione di Squarta, ormai una garanzia, e l’emozionante tecnica di Grandi Numeri che si sposa sempre a meraviglia con l’energia e la potenza di Primo. A completare il tutto, tanti ospiti che non fatichiamo a credere abbiano accettato di corsa l’invito da parte di una colonna portante dell’hip hop capitolino a partecipare al loro sesto album: da amici e partner storici come Danno e Marracash a gente che è cresciuta ascoltando “21 Tyson” e “Le guardie, i pompieri e l’ambulanza” come Coez e Mezzosangue, più varie sorprese “esterne” come Roy Paci e Giuliano Sangiorgi.

Su questa onda emotiva, Squarta e Grandi Numeri lanciano il tour per portare in giro lo spirito e il veleno. Se le occasioni dei live precedenti sono un po’ indicative, anche senza special guest ancora annunciati c’è da giurare che in ogni città ci saranno tanti mc’s che non vedono l’ora di salire sul palco a dare il loro contributo: stasera ci sarà la Milano che conta, con il microfono o senza, ma sicuramente cor veleno e con Primo nel cuore.

Scritto da Roberto Contini