mar 02.04 2019

Rewind – Omaggio a Cafè Müller

Dove

Teatro Ca' Foscari
Calle Larga Santa Marta (Dorsoduro) 2137, 30123 Venezia

Quando

martedì 02 aprile 2019
H 20:30

Contatti

+39 0412348962

Organizzatore

Ca' Foscari

Quanto si può scavare dentro a un capolavoro? Quanto si può spendere per una sedia? Quanto è stata grande Pina Bausch? Quanto ci si può avvicinare? Meglio starne distanti? La ricerca vive di domande, più che di risposte. Altrettanto vale per l’omaggio di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini alla storica pièce del 1979 intitolata “Café Müller”. Un labirinto di sedie, una notte scura, che rende tutto invisibile, il ricordo dell’infanzia nel locale del padre, l’espressività commovente, fragile, la magrezza quasi spettrale, vestita di un sottile velo bianco: qui lo sguardo ammirato del performer si perde, si sfuoca quasi obnubilato da un’adorazione ossessiva. Capita con i miti, con gli idoli, come è appunto il rivoluzionario teatro-danza di Pina Bausch. Rituffarsi in questi capolavori è un po’ come riscrivere il romanzo di formazione della propria attitudine creativa ed è ciò che, ormai dieci anni fa, ha scelto di fare la coppia Deflorian Tagliarini inaugurando un florido e fortunato sodalizio artistico. “Rewind, omaggio a Cafè Müller” risale al 2008: in un ineffabile gioco di specchi, la Rassegna Teatro Ca’ Foscari lo ripropone ora al pubblico veneziano. In scena i due attori osservano le immagini dello spettacolo originale dallo schermo di un pc, spostano sedie, dialogano e rivivono se stessi nella fruizione dell’opera, pietra miliare del ‘900. Il finale? Non possiamo svelarlo, ma le note di regia si chiudono con un messaggio che vogliamo condividere: “Abbiamo dato il peggio, nel cercare di fare degli spettacoli ‘alla’ Pina B., anni di sedie e di sottovesti, anni di micromovimenti e microfoni con fili penzolanti, per poi finalmente dimenticare tutto e cominciare ad assorbire la lezione più profonda e semplice, la solita vecchia lezione di tutti i maestri: non seguirmi, cercati”.

Spettacolo a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, prenotazione consigliata all’indirizzo: prenota.teatrocf@unive.it

Scritto da Redazione Venezia