ven 05.04 2019 – dom 07.04 2019

Riaperture Festival Fotogafia

Dove

Ferrara
Ferrara

Quando

venerdì 05 aprile 2019 – domenica 07 aprile 2019

Quanto

€ 15/13

Contatti

Sito web

Si riaccende l’attenzione sui luoghi pubblici o privati inutilizzati di Ferrara con la terza edizione di Riaperture Photofestival, l’evento che unisce l’indagine fotografica alla rigenerazione urbana, portando le immagini di artisti affermati ed emergenti in diversi luoghi insoliti della città.

Due weekend (29-30-31 marzo e 5-6-7 aprile) nei quali apriranno le porte al pubblico spazi come la ex caserma dei Vigili del Fuoco, Palazzo Prosperi Sacrati, Palazzo Massari (senza le impalcature del restauro dopo il terremoto del 2012), la stanza segreta della salumaia dell’Hotel Duchessa Isabella, un negozio e per la prima volta la Caserma ‘Pozzuolo del Friuli’. Sei giorni di storie da tutto il mondo e da tutti i tempi, con diciassette mostre, otto luoghi e un programma parallelo di incontri e presentazioni, proiezioni e laboratori didattici.

A legare gli eventi della manifestazione il “Futuro”, il cui scenario viene raccontato attraverso direzioni e linguaggi diversi: indagini, reportage, ricerche e storie su temi come salute, Europa, generazioni, tecnologie, politica e ambiente.

Tra gli artisti più attesi di questa edizione, Gianni Berengo Gardin con il progetto Venezia e le Grandi Navi, un lavoro sull’impatto sul paesaggio delle navi da crociera, e il fotoreporter Francesco Cito con una serie di scatti che documentano la divisione tra Israele e Palestina. Ci saranno poi Elinor Carucci con Gettin Closer, Beginning Mother: About Intimacy and Family. 1993 – 2012, incentrato sul suo ruolo di madre e il rapporto che delinea il futuro dei suoi figli; per la prima volta in Italia il fotografo austriaco premiato a Paris Photo 2018 Simon Lehner con un lavoro sulla figura paterna dal titolo How far is a lightyear?; la messicana Tania Franco Klein che con un lavoro commissionato dal New York Times mette in scena l’amore tra due androidi.

A rianimare i luoghi abbandonati della città anche Claudia Gori, Mattia Balsamini, Fabio Sgroi, Eugenio Grosso, Ettore Moni, Claudio Majorana, Zoe Paterniani, Marika Puicher e Giovanni Cocco.

Il programma di iniziative parallelo alle mostre apre, infine, un dialogo diretto tra autori e pubblico. Tra gli incontri segnaliamo, quindi quello con Michele Smargiassi, giornalista di Repubblica, sulla contemporaneità della fotografia; Edicola 518, sulla rigenerazione nel centro di Perugia di un’edicola dismessa; Simone Sbarbati, direttore di Frizzfrizzi.

Il programma completo qui https://riaperture.com/

Scritto da Guendalina Piselli