sab 25.01 2020

Uno Bianca mirare allo Stato

Dove

DOM la cupola del pilastro
Via A. Panzini 1, 40127 Bologna

Quando

sabato 25 gennaio 2020
H 20:30

Quanto

free

LAMINARIE presenta tre appuntamenti dedicati alla tema memoria con l’intenzione di avviare una riflessione su questioni cruciali che riguardano la città di Bologna a partire dal rione Pilastro. Incontri, proiezioni e visioni che Laminarie propone ai cittadini cercando percorsi in grado di coinvolgere diverse generazioni intorno a questioni non ancora risolte: dalle vicende della Banda della Uno Bianca a come custodire e tramandare la memoria e a come guardare al passato prossimo del rione in considerazione delle mutazioni sociali in atto.

Si inizia il 25 gennaio alle ore 20.30 con la presentazione, a cura degli autori, del documentario di inchiesta UNO BIANCA MIRARE ALLO STATO realizzato nei laboratori cinematografici del Liceo Laura Bassi di Bologna, a cura di Roberto Guglielmi e Enza Negroni, con gli studenti del Corso Doc. Il documentario ripercorre una vicenda terroristica senza precedenti. Un atto di guerra contro la credibilità dello Stato di cui si conoscono solo alcuni degli esecutori materiali. Nel film documentario si rivelano fonti, fatti, contesti, testimonianze, vengono alla luce depistaggi e contraddizioni che potrebbero consentire di tornare ad indagare per raggiungere una verità libera da compromessi e coperture. [https://unobiancamirareallostato.wordpress.com/] A distanza di 29 anni dall’eccidio del Pilastro, che ha provocato una profonda ferita nel rione stigmatizzando l’intera area per decenni, si porta nuovamente l’attenzione su fatti tragici che hanno riguardato l’intera regione grazie al lavoro dei ragazzi del Corso DOC del Liceo Laura Bassi che, durante la fase di ricerca utile alla realizzazione del documentario, hanno incontrato a DOM alcuni residenti al Pilastro. A DOM è stata inoltre girata una delle interviste più significative del documentario.
Dopo la proiezione è prevista una conversazione pubblica alla quale parteciperanno, oltre ad alcuni cittadini del Pilastro, Antonella Beccaria, giornalista che si occupa di terrorismo e strategia della tensione, e Mauro Zani, all’epoca dei fatti segretario provinciale del PCI, poi del PDS, in seguito parlamentare e segretario del comitato parlamentare per i servizi di informazione e sicurezza e i per segreti di stato.

Scritto da L.R.