ven 02.07 2021 – dom 25.07 2021

IT.A.CÀ Migranti e Viaggiatori 2021: il festival del turismo responsabile

Dove

Bologna
Bologna

Quando

venerdì 02 luglio 2021 – domenica 25 luglio 2021

Quanto

free

Contatti

Sito web

Arriva in città la 13esima edizione di IT.A.CÀ Migranti e Viaggiatori – Festival del Turismo Responsabile: la ‘tappa madre’ del festival approda all’interno della città felsinea, per raccontare l’universo fluido e in continuo mutamento del centro e delle periferie, luoghi solo all’apparenza ‘marginali’ ma che accolgono all’interno pulsioni e centri nevralgici importantissimi.

Attraverso un incessante lavoro di co-progettazione insieme alle diverse realtà che compongono il tessuto metropolitano bolognese, abbiamo costruito un programma non solo rispettoso dell’ambiente e delle comunità, ma soprattutto accessibile per tutti e inclusivo”, afferma Simona Zedda, responsabile programmazione IT.A.CÀ Bologna.

La Tappa di Bologna, oltre che tenersi nella città felsinea, si svolge in territori che travalicano i confini cittadini, spaziando dalle pianure agli appennini, includendo periferie e luoghi ‘differenti’ anche all’interno della stessa città. E come tutte le Tappe, anche questa ha scelto di raccontare a suo modo il tema 2021 del festival: ‘Diritto di Respirare’.

Venerdì 2 luglio a Bologna: una giornata dedicata alla scoperta dell’identità della comunità LGBT, attraverso un percorso tra spazi, edifici, luoghi e persone che hanno segnato profondamente la vita cittadina, tutelando l’ossigeno libertario di Bologna.

Sabato 2 luglio e domenica 3 luglio, San Benedetto Val di Sambro: il viaggio ‘La retta è per chi ha fretta -Dentro e fuori la via degli Dei – Vol.1 è un’esperienza multisensoriale tra boschi e borghi per conoscere anche le comunità locali. Qui torna la formula ‘all inclusive’ che trasporta per due giorni e una notte il viaggiatore al centro della natura e della storia di quei luoghi spesso poco noti e ancora poco esplorati.

Sempre domenica 3 luglio alla sera, presso le Serre dei Giardini Margherita ci sarà un talk con proiezione del documentario Marana e relativo concerto di Matias Campaci e Thomas Pizzini, autori ed esecutori delle musiche del film: un racconto delicato del fenomeno dell’autismo tra i giovani di una comunità, narrato con freschezza e scevro da vittimismi.

Venerdì 9 luglio, a Bologna, Quartieri Santo Stefano/Colli, ci sarà un altro appuntamento presso le Serre dei Giardini Margherita: lo scrittore Antonio Moresco presenterà il suo libro ‘Il Canto degli Alberi’, un’opera onirica che racconta il rapporto tra un uomo e gli alberi che incontra nelle sue passeggiate notturne durante il primo lockdown. Dopo le 19.00 sarà la volta di un ‘laboratorio apistico’ insieme agli apicoltori Zeid Nabulsi e Daniele Alberoni, e alla scoperta dell’agricoltura biodinamica con l’azienda di cosmesi naturale O–Way Ortofficina che distillerà davanti ai partecipanti preziosi oli essenziali e idrolati vegetali.

Sabato 10 luglio tra Idice e Monterenzio: un’intera giornata dedicata al ‘respiro delle vie’, ovvero un itinerario in bicicletta che guiderà i partecipanti nel percorso di Natura World, con pomeriggio al parco acquatico del Villaggio della Salute Più.

Domenica 11 luglio a Monghidoro: un itinerario a piedi per conoscere la tradizione montanara e i suoi sapori. Si tratta della formula ‘La retta è per chi ha fretta -Dentro e fuori la via degli Dei – Vol.2’, una giornata full immersion nell’Appennino Bolognese con tanto di performance musicale de I Suonatori della Valle del Savena con Placida Staro. La terza parte de ‘La retta è per chi ha fretta’ sempre nell’Appennino Bolognese, si terrà a Monzuno il 17 luglio, sabato: in questa giornata, all’insegna della multi-sensorialità, i camminatori scopriranno a passo di danza le bellezze di questa parte di Appennino, insieme al duo musicale Fragole e Tempesta e ad Eugenia Marzi, danzatrice e guida escursionistica.

Domenica 18 luglio a Casalecchio di Reno: presso il Parco della Chiusa, importante snodo di due noti Cammini, si potrà partecipare ad un percorso culturale e botanico, scandito da assaggi di prodotti tipici e del miele, e culminante con la performance teatrale alla suggestiva Ex Limonaia di Villa Sampieri. E, per chi lo volesse, possibilità di dormire al Parco e svegliarsi con una sessione di yoga mattutina.

Venerdì 23 luglio a Bologna, Quartieri Porto/Saragozza/Barca e Lavino di Mezzo, terzo e ultimo appuntamento del format Paesaggi urbani Vol 3 qui si parte in bici, ancora una volta un itinerario su due ruote accessibile per tutti e da tutti, alla scoperta dei luoghi cittadini ‘disobbedienti’ e delle botteghe etiche. Dopo un aperitivo con musica e evento apistico, lo scrittore Erri De Luca presso il Teatro Ridotto di Lavino di Mezzo darà vita ad una sua performance/incursione nella poesia con ‘Per certi versi’, spettacolo inserito nell’ambito del Festival Disobbedienze che quest’anno si unisce a IT.A.CÀ con l’obiettivo di narrare e valorizzare spazi e comunità fuori luogo, che nella dissonanza fanno respirare la città.

Sabato 24 e domenica 25 luglio Alto Reno, ultima tappa bolognese di luglio del festival: una due giorni immersiva per conoscere le comunità che hanno scelto di restare in luoghi dove è la natura a scandire le giornate, un itinerario a piedi alla scoperta dei posti più suggestivi dell’Appennino a cavallo del fiume.

Ed è così che il tema portante di questa edizione del Festival viene declinato dalla tappa bolognese attraverso una miriade di appuntamenti e percorsi: da quello più tradizionale legato ai cammini nella natura a quello meditativo che insegna a vivere il presente cominciando a porre attenzione sul respiro e su ciò che vediamo; dalla scoperta del senso dello spazio e del respiro urbano attraverso installazioni artistiche e percorsi di conoscenza sulle api, al respiro degli strumenti musicali dei concerti e della voce, e delle vie della città; dalla magia dei borghi e delle zone rurali alla scoperta del respiro ‘diverso’ delle nostre strade, cadenzato di storie mai uguali.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO

Scritto da L.R.