sab 19.12 2015

Dance Affliction: Samuel Kerridge + Christoph de Babalon

Dove

Macao
Viale Molise 68, 20137 Milano

Quando

sabato 19 dicembre 2015
H 22:30

Quanto

n.p.

Agosto 2013, Berlino. Dopo 23 anni di silenzio, Dimitri Hegemann (Mr. Tresor) fa risorgere l’Atonal, il festival che negli anni Ottanta ha rappresentato un avamposto della musica sperimentale (Einstürzende Neubauten, Psychic TV, Z’EV e così via). Quell’estate a segnare la mia immersione nel Kraftwerk Berlin, la maestosa cattedrale di cemento che fa da scrigno al festival, è stato lo show del misconosciuto Samuel Kerridge: torbido, abrasivo e brutale. Da allora Kerridge è diventata una star della techno industrial e nei live a cui ho assistito è riuscito sempre a rievocare quell’abbraccio opprimente di rumori.

Kerridge è il nome di punta della serata a Macao, ma la vera chicca è Christoph de Babalon. Il leitmotiv della sua ventennale carriera è la continua sperimentazione, lo ha dimostrato spaziando tra generi – dalla drum & bass schizoide all’ambient melanconico – senza circoscrivere i suoi lavori al dancefloor, come testimoniano il poema sinfonico ispirato al mito di Scilla e Cariddi e l’installazioni con l’architetto Rem Koolhaas. Nonostante sia universalmente riconosciuto come un guru della breakcore e vanti collaborazioni con Alec Empire e Kid 606 (per i meno schizzinosi, Thom Yorke è un suo grande fan), il producer tedesco è un autentico outsider della musica elettronica. Quindi poter assistere ad una delle sue rare esibizioni non è solo una fortuna, ma è un evento unico.

Questa nuova edizione di Dance Affliction non si limita a Kerridge e de Babalon: a precederli le esibizioni di Pure, Paka e WSR. Ancora una volta la continua ricerca sonora portata avanti dal Tavolo Suono di Macao accosta nomi importanti a creature e progetti oscuri, provenienti da quel sottobosco underground che spesso neanche lo sguardo onnisciente di internet riesce a catturare.

Scritto da Enrico Petrilli