mar 16.11 2021

Masterclass

Dove

Cinema Giulio Cesare
Viale G. Cesare 229, 00192 Roma

Quando

martedì 16 novembre 2021

Quanto

€ 8-3

Contatti

Sito web

Tutti i martedì al Giulio Cesare i grandi classi del cinema, in versione restaura originale e con sottotitoli in italiano. Qui la programmazione mensile (per gli orari consultare il sito del cinema).

NOVEMBRE

Martedì 2
“OTTO E MEZZO” di Federico Fellini (Italia, 1963, 138′)

È la storia di un uomo come ce ne sono tanti: la storia di un uomo giunto a un punto di ristagno, a un ingorgo totale che lo strozza. Io spero che dopo i primi cento metri lo spettatore dimentichi che Guido è un regista, cioè un tipo che fa un mestiere insolito, e riconosca in Guido le proprie paure, i propri dubbi, le proprie canagliate, viltà, ambiguità, ipocrisie: tutte cose che sono uguali in un regista come in un avvocato padre di famiglia.

Martedì 9
EFFETTO NOTTE di François Truffaut (Francia, 1973, 115′)

A Nizza un regista gira la storia di una sposina che fugge col suocero, e il set vive la mobilitazione incrociata di crisi e sentimenti tra personaggi della finzione e della realtà.

Martedì 16
“IL SETTIMO SIGILLO” di Ingmar Bergman (Svezia, 1956, 96′)

L’evocazione visionaria del XIV secolo racchiusa in questo film ha origini remote che affondano nelle fantasie dell’infanzia. Il Medioevo di Bergman è una dimensione dove proiettare fantasmi e angosce che assediano l’individuo nel profondo.

Martedì 23
LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE (USA, 1958, 128’)

“Nell’odissea dello spazio e del tempo, miseri amanti, immersi nella spirale di una città, San Francisco, vivono nel desiderio sempre umiliato di un paradiso terrestre impossibile” (Maurizio Del Ministro). Capolavoro tra i capolavori hitchockiani degli anni Cinquanta, di tutti il più esistenziale: sotto la vernice del Technicolor serpeggia il senso del disagio, dell’umana inadeguatezza, della ragione inservibile, delle passioni inutili, d’una tristezza che Truffaut arrivò a chiamare necrofilia.

Martedì 30
“JULES E JIM” di François Truffaut (Francia, 1961,106’)

La dolce vita secondo Truffaut. Nella Parigi bohémienne negli anni Dieci, due uomini e una donna provano ad amarsi oltre le regole, attraverso il tempo, la guerra, matrimoni e amanti, accensioni e delusioni: Jeanne Moreau con i suoi travestimenti, il suo broncio altero, la sua voce magica percorre tutti i tourbillons de la vie, ma alla fine è lei a non saper accettare la resa.

Scritto da La Redazione