ven 11.03 2016

Mitocondri Electrofestival

Dove

Torchiera C.S.A.
Piazzale Cimitero Maggiore 18, 20156 Milano

Quando

venerdì 11 marzo 2016

Quanto

n.p.

Contatti

Sito web

I mitocondri, (non) si sa, sono le centrali energetiche delle nostre cellule. Assolvono ad un sacco di funzioni. Una su tutte: recuperano ciò che più ci serve dagli alimenti che ingeriamo e ci dicono: “tòh, piglia un po’ qua”. Io che mastico questi argomenti tutti i giorni – ché alle serali ero compagno di banco del nipote di Umberto Veronesi – nello scrollare la line-up del primo Mitocondri – Electrofestival ho avuto modo di gasarmi un bel po’. L’11 ed il 12 marzo, in Cascina Autogestita Torchiera, a fare da padrone nelle scelte artistiche e musicali sono la perspicacia, l’intuizione e l’acume: garantirsi una due giorni di artisti by Denovali Records, Ninja Tune, Kvitnu, Morte Records, Basic Unit Productions, 51beats è il miglior modo per presentarsi come una novità degna di essere assaggiata e assaporata. Non solo qualità, ma ricercatezza nel non rifilare qualcosa di già visto e rivisto, sentito e risentito, evitando accuratamente quell’usato garantito un po’ paraculo che ti fa dormire sonni tranquilli (?) al primo giro di boa di un festival. Eh si, perché “Oh, l’importante la prima volta era non prenderle, l’anno prossimo magari ci identificheremo un po’ di più!” è roba ben lungi dai ragazzi di Mitocondri. Passando invece al più pragmatico “si, ma chi suona a sto festival?”, molleggi garantiti: ambient, drone, soundscape, field recordings, IDM, techno, experimental house e derivati. Nel dare un’occhiata ai guest, il primo muro contro cui si sbatte forte forte è quello di Ben Pest: Ben è principalmente un produttore, in grado di portare i suoi live in templi del calibro di Berghain, Boomtown, Glade, Bloc, Plex, Bangface. Altra chicca è SaffronKeira, un progetto made in Sardegna dalla spiccata non-convenzionalità elettronica e (ormai) un
vero riferimento per generi ambient, drone e sound art. Questo è ciò che hanno messo in piedi i ragazzi di Treeboo Dissidance – il collettivo che sta dietro all’organizzazione delle serate elettroniche di Cascina Torchiera – in collaborazione con Bruttobrutto.com, un duo di grafici, tipografi, comunicatori, artisti ed
illustratori. Il festival vuole riproporre i temi libertari sostenuti da Cascina Torchiera: la produzione collaborativa, l’accessibilità all’arte, la partecipazione. Non ci sono gerarchie, sponsor, partner, finanziatori o profitti: il festival è fatto di persone che condividono l’amore per il progetto, e di artisti che partecipano comprendendo e sostenendo lo spirito d’iniziativa del luogo, con un bilancio che sarà reso pubblico. Come prima scorrazzata nel mondo vario (e pinto) dei festivals, con Mitocondri di certo non siamo di fronte a una scampagnata. D’altronde i mitocondri sono una faccenda mica da ridere, e se si muovono lo fanno solo per garantirci roba di qualità.

*
Festival di musica sperimentale (oggi e domani) organizzato in collaborazione con Treeboo Dissidance. Line up: Enrico Coniglio, Garaliya, Crayon Mortel, B.E.A., K-Sine, Idga, Zenkorg, Snekula, V. De Robertis.

Scritto da Michele Iuliano