gio 27.10 2016

TAU + Orange 8

Dove

Locanda Atlantide
Via dei Lucani 22/b, 00185 Roma

Quando

giovedì 27 ottobre 2016
H 22:00

Quanto

€ 10

A Roma, si sa, si verificano innumerevoli fenomeni la cui origine è avvolta nel mistero. Se il più prevedibile tra questi è lo scoppio del traffico alla sola vista delle nuvole cariche di pioggia, il più imponderabile è quello dei concerti pieni di gente senza una spiegazione immediatamente ovvia – che sia l’hype conclamato, un album di successo, l’accessibilità della musica o la coolness della location. Qualcuno, ad esempio, ricorderà il pienone di poco più di tre anni fa per i Dead Skeletons: nordeuropei, all’incrocio fra trance, world music e space rock, appartenenti alla famiglia allargata sull’asse Islanda/Berlino di Anton Newcombe dei Brian Jonestown Massacre, politicizzatissimi e – sulla lunga distanza – rimasti un culto underground molto più di quanto sarebbero diventati i Goat. Il guru Nonni Dead e soci mobilitarono non solo la comunità psych locale ma pure, viene da pensare, i vecchi appassionati di esoterismo di Roma Nord. Ebbene, TAU è il duo formato da Shaun “Nunutzi” Mulrooney, componente dei Dead Skeletons e invischiato nella band neokraut Camera, e il polistrumentista venezuelano Gerald Pasqualin. Le influenze folk della loro psichedelia mondialista sembrano ben più accentuate degli Skeletons, dalla musica tradizionale greca (omen nomen) a quella islandese, dai testi in spagnolo a quelli in gaelico, dalla poesia iraniana alle good vibes del Wirikuta, il deserto del Messico. Il loro esordio si chiama TAU TAU TAU, è stato licenziato (neanche a dirlo) dai tizi tutti misticismo e riverberi di Fuzz Club, ma solo la sera del concerto capiremo davvero se inserirli tra i fenomeni occulti della capitale.

Scritto da Mary Anne