ven 14.07 2017

Femi Kuti

Dove

Villa Ada
Via di Ponte Salario 28, 00199 Roma

Quando

venerdì 14 luglio 2017
H 21:00

Quanto

€ 18 + d.p.

Contatti

Sito web

Organizzatore

Roma Villa Ada - Roma Incontra il Mondo

Leggi il nome Femi Kuti e il pensiero corre subito alla leggenda nigeriana Fela Kuti, pioniere dell’afrobeat, tra i più potenti band leader mai esistiti, musicista e attivista tutto insieme. Colui che creò un proprio stato dentro lo stato nella sua Lagos, rischiando la vita quando la milizia nigeriana decise di dar fuoco alla sua “Kalakuta Republic” (questo il nome della sua comune) a causa di un pezzo (Zombie) creato contro di loro, tanto per dire della potenza delle sue dilatate e dionisiache suite ritmiche. Una tradizione quella di Fela che continua proprio con Femi Kuti (figlio maggiore) che a 15 anni già suonava il sax nella Egypt 80 del padre, per poi affrancarsi poco dopo formando il suo primo gruppo, i Positive Force, cercando di diffondere sempre più la musica e anche il messaggio politico ereditati. Ma attenzione Femi non “imita” semplicemente il padre, la propria visione musicale prevede un allargamento ad ancora più stili, maggiore frenesia ritmica e canzoni anche concise. Mentre al sax Femi è un mostro capace di tenere una nota per più di 45 minuti. Non che ci sarà bisogno di questo sfoggio virtuosistico per un live che è già travolgente di suo, dove a farla da padrone sarà la massiccia coesione di una band che ci trascinerà a ballare e sudare: più che a Villa Ada sembrerà di trovarsi nel famigerato New Afrika Shrine di Lagos in un’infuocata jam afrobeat, come da tradizione.

Marco Caizzi

VINCI CON ZERO

Zero e Villa Ada – Roma Incontra il Mondo ti mandano gratis al concerto di Femi Kuti. Per partecipare, basta mandare una e-mail a contest@edizionizero.com specificando la città e l’evento di riferimento nell’oggetto e il proprio nome e cognome nel corpo dell’e-mail. I due vincitori saranno estratti tra tutti coloro che avranno partecipato entro il 13 luglio e saranno gli unici a ricevere una risposta via e-mail.

Scritto da Chiara Colli