Cups

Zero qui: mangia panini ripiene di costolette d'agnello.

Contatti

Cups Via Beniamino Franklin, 12
Roma

Orari

  • lunedi 08–15:30
  • martedi 08–15:30
  • mercoledi 08–15:30
  • giovedi 08–15:30
  • venerdi 08–15:30
  • sabato 08–15:30

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Martina Di Iorio il 7 gennaio 2016
Aggiornato il 9 febbraio 2016

Difficile stabilire se sia il caso di parlare già di gentrificazione dei mercati rionali oppure se si stia assistendo a qualcosa di nuovo e quindi non definibile. Sicuramente a Testaccio c’è in corso un esperimento. Di sicuro c’è anche il contributo che, da qualche settimana, ha deciso di dare a questa nobile causa scientifica Cristina Bowerman, forte di tutta l’esperienza dei suoi laboratori Romeo e Glass. Il nuovo avamposto che porta la sua firma si trova al banco 30 e si chiama Cups. Nomen omen, l’offerta principale è costituita da “tazze”, buone sia per mangiare in loco che per l’asporto, che possono ospitare tortellini in brodo come polpette al sugo o crema di zucca con salsiccia. Seguono panini di un certo spessore che partono dal vegetariano (pinoli, uvetta, funghi, cipolla) e dal polpo con patate e maionese al nero di seppia, per approdare a dei ripieni da pasto unico come il tomino (intero) fuso con speck e senape o le costine d’agnello in salsa barbecue. L’offerta la completano altre due piccole sezioni: una gastronomia di salumi e formaggi di alta qualità, una bakery che offre dolce e salato. Uscire di casa per prendere un mazzo di basilico, tornare con un chilo in più sui fianchi.