Acropolis - Tempio del futuro perduto

Foto di Jacopo Gussoni

Contatti

Acropolis - Tempio del futuro perduto via Luigi Nono, 9
Milano

Scritto da Lucia Tozzi il 19 febbraio 2018
Aggiornato il 22 ottobre 2018

Più che il frutto di una occupazione politica, Acropolis è figlio del precariato culturale che impera a Milano, forse meno che in altre città, ma non tanto. Un gruppo di giovani (tra i 18 e i 35 anni, in Italia giovani a pieno titolo), esausti dalla partecipazione a bandi e concorsi, da immersioni nella burocrazia e nel marketing prive di senso, decidono in pieno dicembre 2017 di occupare lo spazio esterno alla Fabbrica del Vapore vista Cimitero Monumentale. Già Macao era partito da un gruppo di lavoratori dell’arte, e così anche questi decidono giustamente di appropriarsi di uno spazio per farci qualcosa senza dovere costruire un budget decennale e baciare la pantofola della Fondazione Cariplo, un rito obbligatorio per chiunque oggi voglia legalmente fare progetti artistico-culturali. Qui si fa arte giovane, legata al clubbing, rispettosa delle istituzioni e collaborativa, sono tutti giovani con il cv, antirazzisti e politically correct. Particolarmente ridicole le accuse di antagonismo e abusivismo da parte dei matusa.