Le migliori feste del Fuorisalone dal 2005 a oggi

Zero edita la guida al Fuorisalone dal 2005, abbiamo scelto un party all’anno. Quanti neuroni andati, però ci ricordiamo tutto (o quasi)!

© Daniele Fragale
mercoledì 29 marzo 2017
Condividi

Dire che facendo questo elenco ci è passata la vita davanti può essere un filo marzulliano, eppure è andata proprio così. Siamo fieri di essere stati la prima guida alle feste del Fuorisalone, ma anche di aver organizzato qualche edizione di Shit Design, club off, trasversale e ironico in partnership con Bar Cuore e Studio Dondoni che sfociava sempre in un party pieno di alcol e musica in location insolite come l’acquedotto, una fonderia alla Barona per infissi di bare, l’ex Richard Ginori, i sotterranei della Torre Velasca. Può sembrare strano, ma in quegli anni (2000-2004) non c’erano molte feste aperte alla città nei giorni del Fuorisalone. La vita è un party o i party aiutano a vivere?

14/04/2005 TDK Dance Marathon – Garage dello Stadio Meazza

Una festa nei garage sotterranei di San Siro che è costata qualche problemino agli organizzatori della TDK Dance Marathon (che dall’anno successivo venne “sostituita” da Elita), ma noi la ricordiamo perché ballare sotto lo stadio fu una cosa incredibile e quando gli Alter Ego suonarono “Rocker” partirono i cori peggio che in curva. Da ricordare tutta l’incredibile line-up della TDK Dance Marathon: Claudio Sinatti, LCD Soundsystem, Apparat e T. Raumschmiere, Four Tet, Jamie Lidell, Prefuse 73, Eboman, The Light Surgeon e molti altri.

08/04/2006 Pubblico Design in festa – Sottopassaggio Stazione Centrale

Memorabile party di Esterni con Samuel e Pisti dei Subsonica, quando il design era ancora pubblico. Una delle feste che ci manca di più. Chissà se quest’anno riaprendo i diversi tunnel sotto i binari come spazi espositivi non si riesca a replicare.

Public Design Festival nel Tunnel sotto i binari della Stazione Centrale, 2005. Foto Laila Pozzo
Public Design Festival nel Tunnel sotto i binari della Stazione Centrale, 2005. Foto Laila Pozzo
 
19/04/2007 MTV Toy Party – Campus Bovisa, Politecnico di Milano

Ah, le feste in Bovisa! Oltre a quelle di CCKZ come dimenticare questo evento a cura di MTV a That’s Design, con 25 scuole da tutto il mondo che presentavano i lavori di studenti ed ex studenti. In consolle un James Lavelle che ci fece saltare tre metri, i dj della Kitsuné, Supernova e Stylophonic l’amico Stefano Fontana.

19/04/2008 Privat Party – Jacaranda Studios

Uno di quei Privat, che hanno lasciato il segno. Provat!

24/04/2009 Design View – 31° piano del Grattacielo Pirelli

Gente che scavalca i tornelli del Pirellone, ascensori bloccati, migliaia di persone fuori manco ci fosse uno sciopero. Il nostro sito, l’unico ad aver avuto in anteprima la notizia del party, fece il record di visualizzazioni. C’è chi si è goduto il party ad alta quota (pochissimi) e chi facendo piazza sotto il Pirellone (tutti).

15/04/2010 Hercules And Love Affair + Róisín Murphy (dj set) – Hangar Bicocca

In redazione indossiamo ancora la maglietta di questo party di Replay con il magistrale aiuto di Marcelo Burlon. Nessuna fila al bar, nessuna al guardaroba, nessuna per salire sui palchetti e ballare vista Palazzi Celesti di Kiefer. Róisín bellissima e la nostra voce che va via su “Forever More”  e “The Time is Now”.

 
17/04/2011 Elita Sunday Park: Wolf + Lamb vs Soul Clap – Teatro Franco Parenti

La consacrazione di Elita al Franco Parenti. Un party domenicale unico con quattro dj sul palco che hanno eccitato clubber integralisti, indioti pop e designer dell’ultimora spaziando dall’house più edonista ai Talking Heads. La degna chiusura di una settimana iniziata con un party open bar alle Terme di Porta Romana.

 
20/04/2012 Buka – Ex casa discografica CGD

Dopo un primo party, a febbrario, anti-social e solo su passaparola, in questa data del fuorosalone (grazie alla joint venture tra Elita e Opposticoncordi) si aprono le porte di un luogo nascosto della Milano musicale: l’ex celebre casa discografica CGD in Mecenate. Da lì in poi ci siamo imbukati tutti.

BUKA-Milano
12/04/2013 Elita Design Festival: Ricardo Villalobos – Teatro Franco Parenti

Un set di Ricardo unico, durante il quale ha suonato praticamente solo dischi suoi, con un po’ di stupore verso chi lo voleva in modalità fattanza. Noi che a magia in tasca non eravamo sprovvisti ce lo siamo goduti entrando perfettamente nella sua testa. “If I could just hide / The sinner inside / And keep him denied…” e giù di congas!

 
08/04/2014 Elita Design Festival: Moodymann – Giardini di Villa Reale

C’è chi si è perso nella Villa Reale e chi invece non si poteva perdere il set open air di Moodymann. Noi siamo tra i secondi e abbiamo fatto bene perché oltre alle discate di Kenneth Dixon Jr, alla vodka offerta da lui e dalle sue lady a noi clubber sottocassa ci siamo goduti anche la jam session a sorpresa tra il dj e il percussionista Tony Allen, che aveva tenuto una special lesson poche ore prima.  

18/04/2015 In Treatment: The Mole – Cristalleria Livellara

I ragazzi di In Treatment ci sono entrati nel cuore con questo party e con questa location: una maestosa industria per la lavorazione del cristallo e del vetro, in parte inutilizzata. Allestimento tutto rosso, una parete intera addobbata da ventagli (che erano anche l’invito al party) e un set di The Mole che in quella saletta claustrofobica è stato una ventata di piacere, tanto da portarci fino alle luci dell’alba e a fare il saluto al sole.

 
16/04/2016 Morning Love – Macao

Macao completamente stravolto e allestito dalla scuola di design olandese “The Dirty Art Department”. Ricordo la techno quadrata nel salone che per l’occasione aveva una fontana al centro e di mattina qualcuno iniziò a ballarci dentro, ricordo la frutta distribuita in giardino, ricordo che arrivarono tutti dalle altre feste in giro per Milano. Ricordo che fu davvero difficile andare a casa.

Magari ti interessa anche:
Le migliori mostre del Fuorisalone dal 2005 a oggi
Fuorisalone: una storia fatta di storie
Food (and drink) design a Milano: un veicolo per la società e la convivialità, soprattutto quando scorre l’alcol
Videogames: design without borders

Ad could not be loaded.