Do 17.10 2019 – Sa 19.10 2019

Ombre Lunghe 2019

Wo

Bologna
Bologna

Wann

Donnerstag 17 Oktober 2019 – Samstag 19 Oktober 2019

Wie viel

€ 12/10

Kontakte

Sito web

Invisibility è la keyword dell’edizione 2019 di Ombre Lunghe, la piattaforma bolognese che rigetta la rassicurante definizione di festival per condurre il proprio pubblico in tre serate di incursioni sonore al confine psicogeografico, in luoghi remoti nei quali la musica dal vivo si fonde con l’arte performativa.
Dopo le due tappe di avvicinamento andate in scena al Teatro del Baraccano (con Seth GrahamJay Glass Dubs e la memorabile sessione del percussionista Eli Keszler), si inizia giovedì 17 ottobre sotto la cupola del Teatro San Leonardo. L’invito è quello di perdersi tra i frammenti di memorie acustiche raccolti e ricostruiti dal compositore e biologo Donato Epiro, per poi ritrovarsi all’improvviso in mezzo all’imprevedibile flusso sonoro del giapponese Sugai Ken – tra gli act più attesi della rassegna. Il giorno seguente, sempre al San Leonardo, è un takeover al femminile: prima l’emergente artista svizzera Martina Lussi, con le sue composizioni elettroacustiche disorientanti che riflettono l’overload dell’infosfera collettiva; a seguire la giapponese-londinese Hatis Noit, performer autodidatta capace di trascinare con la sola voce lungo strati di atmosfere che riecheggiano meditazioni buddiste, canto gregoriano, classica orientale e lirica occidentale.
Sabato 19 si chiude ad Ateliersì, con un gran finale che dosa sound design d’avanguardia e ritmi dance-oriented: in scena il trevigiano cyberpunk Holy Similaun, il suono onirico e sofisticato del torinese Daniele Mana, la veterana sound artist londinese e part-time dj Shelley Parkere lo scontro finale a colpi di bassi tra le due etichette francesi Brothers From Different Mothers Antinote.

Geschrieben von Emanuele Luppino