La nuova lunga stagione dell’Arena del Sole

Tra gli ospiti: Romeo Castellucci, Rezza/Mastrella, Chiara Guidi, Fanny & Alexander, Lola Arias, Emma Dante, Alessandro Barbero e molti altri

Geschrieben von La Redazione il 15 September 2021

Romeo Castellucci - Bros. Foto di Stephan Glagla

In attesa di sapere quali saranno le nuove regole per gli spettacoli al chiuso (e sarebbe assurdo se nulla cambiasse nonostante il green pass), ERT ha presentato la nuova stagione del Teatro Arena del Sole. Dopo il trasferimento di Claudio Longhi al Piccolo di Milano, la direzione è passata a Valter Malosti, all’esordio in un anno particolare come quello che verrà, ancora carico di incertezze, ma anche di speranze. «Nelle città in cui dispiega la sua azione, ERT – scrive Malosti – deve continuare a creare il terreno per favorire la fertilità artistica, la creatività, la ricerca e la produzione con l’ambizione di contribuire a fare dell’Emilia-Romagna il cuore della cultura contemporanea – una “Utopia contemporanea” – abitata da progetti trasversali».

E proprio la varietà dei linguaggi è alla base del progetto che apre il calendario, Matria – Immaginari della maternità contemporanea: 15 giorni tra film, incontri e spettacoli, dal 29 settembre al 14 ottobre, dedicati alla maternità con Ermanna Montanari, Lola Arias, Sonia Bergamasco, Maria Grazia Calandrone, Giulia Caminito, CHEAP e molti altri in vari luoghi della città.

Ulteriori incroci riguarderanno alcune ricorrenze speciali, come i 30 anni del compagnia Fanny&Alexander festeggiati con una personale itinerante, i 100 anni dalla nascita di Pasolini il 5 marzo del 1922 e un progetto (Quête) dedicato a Chiara Guidi, fondatrice della Societas, che in Arena porta due dei suoi lavori dedicati all’infanzia: Fiabe giapponesi ed Edipo. Una fiaba di magia.

Dalla stessa Societas agli onori internazionali, Romeo Castellucci torna, invece, con Bros uno spettacolo vede la partecipazione di un folto gruppo di uomini anonimi, chiamati dalla strada; ciascuno di loro, per poter partecipare alla pièce, deve firmare un protocollo con i suoi doveri di attore a cui promette di attenersi fedelmente…

E, ancora, tra gli internazionali: Christoph Marthaler con la prima nazionale di Das Weinen, Angélica Liddell con il nuovo Terebrante e Sergio Blanco con Kassandra.

Alessandro Serra – Macbettu

Perno della programmazione è anche la figura dell’attore con alcuni dei grandi interpreti del teatro italiano come Fabrizio Gifuni alle prese con la storia del sequestro di Aldo Moro; Silvio Orlando in La vita davanti a sé; il duo Enzo Vetrano e Stefano Randisi in A’ Cirimonia. Ma anche alcuni ospiti affezionatissimi come Antonio Latella che, dopo La Valle dell’Eden, torna alla letteratura americana con Chi ha paura di Virginia Woolf? di Edward Albee; il duo Flavia Mastrella e Antonio Rezza, con Bahamuth, liberamente associato al Manuale di zoologia fantastica di Borges e Guerrero; Emma Dante con Misericordia, una storia struggente che racconta una realtà intrisa di povertà, analfabetismo e provincialismo.

Uno sguardo caleidoscopico sul teatro che non tralascia la drammaturgia originale e gli autori contemporanei tra i quali troviamo: Roberto Latini con L’Armata Brancaleone, Alessandro Serra con il suo pluripremiato Macbettu, Alessandro Berti con Blind Love. Bugie bianche, Bluemotion e Giorgina Pi con Tiresias, Deflorian/Tagliarini con Avremo ancora l’occasione di ballare insieme, Teatro Valdoca con ENIGMA Requiem per Pinocchio insieme Silvia Calderoni e Chiara Bersani.

E nella vasta successione di eventi si incontrano anche lo storico Alessandro Barbero, con la sua appassionante lezione di storia Dante e la guerra e un paio di tracce di VIE Festival (rimandato al 2022) con ARTEMIS: Ouverture di Pauchi Sasaki, compositrice e artista interdisciplinare peruviana di origini giapponesi, e la video-installazione performance dell’argentino Matías Umpierrez, IMPERIO.

Infine, una grande novità: un’area gioco e laboratorio destinata ai bambini in collaborazione con diverse realtà del territorio, per quei genitori che altrimenti non saprebbero come vedere gli spettacoli.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO