La nuova stagione di Atelier Sì

quartiere Zona Universitaria

Geschrieben von La Redazione il 23 September 2020
Aggiornato il 12 Oktober 2020

Un invito a entrare nella densa dimensione della „nuova realtà“ in cui si diramano le possibilità e si fanno le scelte: La realtà s’addensa – titolo che nasce da una suggestione della poeta Antonella Anedda e che accompagna l’intera programmazione 2020-21 dell’Atelier Sì – si riferisce anche e soprattutto a una densità culturale fatta di nuovi linguaggi che si intersecano nel teatro, nella musica, nel cinema e nelle arti visive, linguaggi che da sempre caratterizzano l’attività del Sì e che, nonostante la pandemia, continuano a trovare terreno fertile nello spazio curato da Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi.

Anche quest’anno l’apertura è affidata a un pool di artisti di discipline diverse, una sorta di teaser della stagione che sarà. Sabato 26 settembre alle 18.00 inaugura la mostra di Gabriele Bolzani; a seguire alle 19.00 il percussionista Enrico Malatesta – uno dei quattro artisti accolti quest’anno nel progetto Artists in ResidenSì – accoglie gli spettatori con una condivisione e un concerto per attraversare i materiali elaborati durante la sua residenza al Sì: annotazioni di ascolto, scores performative e alla realizzazione di una serie di pieces per percussioni.

Alle 21.00 poi, per la prima volta in città, la performance Chroma Keys di Motus con Silvia Calderoni in scena, che avrà luogo all’aperto nel cortile dell’Arena Orfeonica: “una incursione dentro al cinema, nella meraviglia della finzione e dei suoi vecchi “trucchi” stereoscopici”.

Alle 22 Vincenzo Scorza chiude la serata con Isola, live set per suoni inesatti e fotoni erranti, in sinergia con PerAspera Festival.

Dopo l’Opening si prosegue con il ciclo di incontri Domani è un altro mondo a cura di Altre Velocità, nato all’interno del progetto Così sarà! La città che vogliamo; ospiti:  Rodolfo Sacchettini (18 settembre), Nadia Terranova (24 settembre), Goffredo Fofi (16 ottobre), Stefano Laffi e Wolf Bukowski (23 ottobre) e Sara Gainsforth (30 ottobre).

In seguito alla prima bolognese che si terrà giovedì 8 ottobre all’Oratorio San Filippo Neri, dal 25 al 28 novembre Ateliersi presenta nel proprio spazio La mappa del cuore di Lea Melandri, il nuovo lavoro del collettivo, che ha debuttato in estate al Festival Da vicino nessuno è normale di Milano e a Santarcangelo Festival 2050. E poi ancora sul palco: Masque Teatroautori emergenti tra i quali Cinzia Pietribiasi, realtà cittadine come il Gruppo Elettrogeno.

Cuore pulsante dell’attività di Atelier Sì rimangono la formazione con tre proposte laboratoriali a cura di Tony Allotta, Fiorenza Menni e Smaschieramenti e le residenze artistiche che oltre a Malatesta vedranno il duo spagnolo-austriaco Navaridas&Deutingerla coreografa Simona Bertozzi.

INFO E AGGIORNAMENTI SUL PROGRAMMA QUI