Fri 05.07 2019 – Sun 07.07 2019

Lars Rock Fest 2019

Where

Giardini Pubblici (Chiusi Scalo)
via oslavia 106, 53043 Chiusi Scalo

Who

  • Metz
  • Cloud Nothings

When

Friday 05 July 2019 – Sunday 07 July 2019

How much

free

Contacts

Sito web

0:00
0:00
  • Headache

    Metz

  • Wet Blanket

    Metz

  • I\'m Not Part Of Me

    Cloud Nothings

  • Stay Useless

    Cloud Nothings

Courtesy of Spotify™

Potrebbe essere l’anno del botto. L’anno in cui pure chi non ne aveva mai sentito parlare, si incuriosirà al Lars Rock. A questo piccolo miracolo festivaliero nel cuore della Val di Chiana, gratuito e orgogliosamente indipendente. Se pure fosse così, non ci sarà da temere che il Lars svenda l’anima agli sponsor e all’it. pop, perché la cifra principale della sua identità è quella di essere a misura d’uomo, lo specchio di una realtà “culturalmente evoluta” (quella in particolare di Chiusi) dove l’attitudine “rock” incrocia la sacrosanta volontà di valorizzare il territorio, tra i più belli d’Italia – ma contiamo che questo lo sappiate già. Potrebbe essere l’anno del botto perché da queste parti non s’è mai visto e sentito un nome grosso come quello dei Wolfmother, gli australiani con le chitarre heavy che altrove riempiono i palazzetti.

Un’edizione, l’ottava, che però non si nutre del solo “nome grosso”, ma che compone un cartellone a base di sei corde furiose, incazzate e anche qui indipendenti, dove gli altri due headliner parlano da soli per gli insider dell’alternative rock americano più rumoroso e contemporaneo, con i (nipotini dei Nirvana) Metz e i noiser melodici Cloud Nothings. E poi la sempre presente quota italica, pertinente col resto del cartellone, che mette in fila tra gli altri Lags, Black Rainbows e McKenzie. Da queste parti si potrebbe vincere facile con un festival in stile sagra-di-paese, puntando tutto sul cibo locale, sulle numerose bellezze storico/artistico/naturali della zona e sulla collocazione strategica nel mezzo di una delle aree più incantevoli del centro Italia (girarella a Bagno Vignoni o Cortona per far rosicare la mamma?). Ma oltre alla musica e a tutto questo, il Lars Rock Fest non si accontenta e costruisce un programma composito con tante attività collaterali, ogni anno sempre più curate e aperte a includere diversi gusti e fasce d’eta.

Gli “effetti collaterali” pomeridiani: Open Book (festival nel festival che ospiterà alcune case editrici indipendenti italiane, un focus sulle riviste a cui si aggiunge la presentazione del libro “Rock Lit”), una fiera del vinile, il consueto spazio dedicato ai fumetti, l’area bambini, quella live painting e i corsi di yoga. Quest’anno con l’introduzione dei bicchieri in plastica riutilizzabile (scelta sostenibile e gadget che molti dei festival più blasonati d’Italia non hanno ANCORA introdotto), possiamo dire che il Lars – anche a prescindere dai big in cartellone – è decisamente entrato nella cerchia dei “grandi”.

Written by Chiara Colli