Wed 08.07 2020 – Fri 10.07 2020

Il programma della Repubblica delle Idee 2020 tra Piazza Maggiore e web

Where

Bologna
Bologna

When

Wednesday 08 July 2020 – Friday 10 July 2020

How much

gratis c. prenotazione

Contacts

Sito web

Tre appuntamenti al giorno in piazza Maggiore e gli altri online: molti dei quali registrati da luoghi simbolici e significativi, all’insegna di una parola d’ordine che è anche una speranza: “Ripartiamo”.  Proprio il primo appuntamento online dell’8 luglio può essere considerato il simbolo della ripartenza: Renzo Piano e il direttore di Repubblica Maurizio Molinari dialogano dal ponte di Genova appena terminato a tempo di record. Sarà lo stesso Molinari nel pomeriggio – in un rimbalzo tra la parte dal vivo e quella sul web – a dare poi il via a Repubblica delle Idee 2020 in piazza Maggiore.

Saranno tre giornate intense con dibattiti, interviste, interventi e con un continuo rimando di temi tra la piazza e il web.  In piazza l’incontro con quattro dei Cavalieri al merito nominati dal Quirinale per l’impegno contro il contagio e online – da Cinecittà – Giacomo Mazzariol che parla con un gruppo di giovani alle prese con la crisi del dopo-virus; in piazza il dialogo tra Romano ProdiMolinari e Marco Damilano mentre online della ripartenza parla Mariana Mazzuccato. E, sullo stesso tema, da piazza Maggiore discutono Fabrizio BarcaGiuseppe ProvenzanoElly Schlein e, il giorno dopo, Marco DamilanoMassimo GianniniEzio MauroMaurizio MolinariLinda Laura Sabbadini. Sulle conseguenze che ha avuto il virus  sulle nostre vite riflettono online Bernard-Henri Levy  e in piazza Massimo Recalcati, mentre Ezio Mauro affronta il tema in un’intervista a partire dal suo ultimo libro. Corrado Augias dal Teatro della Concordia di Monte Castello Vibio (un vero gioiello architettonico, il più piccolo teatro d’Italia) parla del contagio come metafora e  due personaggi dello spettacolo – Paola Cortellesi e il marito e regista Riccardo Milani – raccontano la cronaca di una coppia in lockdown. Quindi due riflessioni sulla natura violata: l’intervista a Stefano Mancuso da “La Fabbrica dell’Aria” di Firenze, e – si torna di nuovo a Piazza Maggiore – un confronto Michele SerraCarlo Petrini e  Alessandra Viola, autrice di Flower Power.

Il “festival ibrido” prevede anche un dialogo a più voci sugli Stati Uniti. Quelle di Molinari e Michela Murgia – dal vivo – e quella di Roberto Saviano in un videoreportage da New York. Non può mancare una  riflessione su due passaggi drammatici della storia della città e dell’Italia: il monologo di Lella Costa, in piazza Maggiore, sulle stragi di Bologna e Ustica. Che chiamano in causa, come di fatto tutti gli appuntamenti, il ruolo della cultura nella rinascita del Paese: un tema generale affidato ad uno dei grandi scrittori italiani, Alessandro Baricco dal Teatro Carignano di Torino. Quindi l’appuntamento finale, che il virus non è riuscito a cambiare: le Lezioni di Rock con Gino Castaldo ed Ernesto Assante. Dedicate inevitabilmente ai Beatles, a 50 anni dal loro scioglimento

Ma il Covid, se non ha cambiato il livello della sfida che Repubblica rilancia, sicuramente condizionerà il modo di stare nella piazza. Mille posti distanziati in piena sicurezza, prenotazioni obbligatorie e nominali che si potranno prenotare dalle 14 di martedì 30 a questo link.

QUI IL PROGRAMMA

Written by L.R.