Thu 27.08 2020 – Sun 29.11 2020

Territorial Agency: Oceans in Transformation

Where

Chiesa di San Lorenzo
Campo San Lorenzo (Castello), 30122 Venezia

When

Thursday 27 August 2020 – Sunday 29 November 2020
H 11:00 - 18:00

How much

free

Contacts

Sito web

Territorial Agency: Oceans in Transformation, Ocean Space, Chiesa di San Lorenzo, 2020.

Foto di Enrico Fiorese

Prima di entrare all’interno dell’antica chiesa di San Lorenzo, oggi ribattezzata in Ocean Space, spazio espositivo e performativo, siamo accolti dall’installazione intitolata “When above…”. Una striscia di led luminosi, posta a 3,5 metri d’altezza sulla facciata, ci indica l’innalzamento del livello del mare stimato per fine secolo e richiama l’attenzione sulla vulnerabilità degli oceani oltre che delle popolazioni dipendenti dal loro benessere. Varcata la porta d’ingresso ci troviamo immersi in una geografia multimediale composta da 30 schermi in movimento a grandezza umana: Territorial Agency: Oceans in Transformation, secondo progetto espositivo dopo il debutto a Venezia del 2019 della Thyssen-Bornemisza Art Contemporary con Joan Jonas e la sua Moving Off the Land II, è la nuova mostra curata da Daniela Zyman in programma dal 27 agosto al 29 novembre. Qui convergono tre anni di ricerca sullo stato degli oceani, frutto collaborazione tra TBA-21 Academy e Territorial Agency.

Territorial Agency: Oceans in Transformation è commissionata da TBA21–Academy. Foto: Marco Cappelletti.

Gli schermi raffigurano le sette traiettorie prese in esame durante il progetto (chiamato appunto “Oceans Transformation“): si va dal Mare del Nord al Mar Rosso, dal Pacifico Equatoriale al Medio Atlantico, si prendono in esame l’Asia Metropolitana, la Corrente del Golfo, il vortice dell’Oceano Indiano e la Corrente di Humboldt. Con l’essenziale aiuto dello staff è possibile riconoscere, percepire e infine comprendere gli intricati sistemi della natura, minacciati incessantemente dall’agire umano. Con grande efficacia visiva e comunicativa emergono le differenti interconnessioni della nostra idrosfera e degli ecosistemi marini. Sono ad esempio rintracciabili i confini delle acque territoriali, le zone ricche di biodiversità che a mano a mano stanno scomparendo, le riserve di gas e petrolio, le tratte commerciali, lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento e l’ingrandimento del livello del mare che finirà per sommergere gran parte delle coste. Complessi dati raccolti da tecnologie di telerilevamento mostrano la portata del crescente impatto umano sulle trasformazioni oceaniche. Migliaia di sensori monitorano costantemente l’oceano sopra e sotto le onde evidenziando gli agenti antropologici e il loro impatto nel corso del tempo. Pesca intensiva, estrazione mineraria, inquinamento, sono solo alcune delle attività umane che minacciano le acque del nostro pianeta e testimoniano l’effetto metamorfico dell’intervento dell’uomo.

Territorial Agency: Oceans in Transformation è commissionata da TBA21−Academy e coprodotta insieme a Luma Foundation. Foto: Enrico Fiorese

Oceans in Transformation, nel mostrare quanto ancora frammentata e incoerente sia la conoscenza degli oceani, lancia un invito a collaborare e ripensare insieme come salvaguardarli, proprio ora che l’impronta delle attività umane sulla terra è così evidente. L’immagine dell’Antropocene presentata sugli schermi e la corale installazione sonora che raccoglie frequenze di campionamenti effettuati tramite una rete d’infrasuoni e sensori sismici della CTBTO a proposito dell’attività terrestre, dimostrano come la nostra specie sia a tutti gli effetti una forza geofisica su scala planetaria. L’intenzione principale di Oceans in Transformation è far emergere una consapevolezza ambientale che possa invogliare l’uomo a cambiare abitudini e pensieri, per una nuova ecologia.

All’interno della chiesa, la disposizione immersiva e dichiaratamente non gerarchica degli elementi si rifà alla volontà di ricreare uno spazio di discussione in cui arte e scienza possano dialogare spontaneamente, arricchendosi l’una con l’altra. Tra le tante attività collaterali alla mostra non possiamo non ricordare l’esperienza di Nowtilus, un interessante serie di podcast (e oltre) dedicate specificatamente alla realtà veneziana, curato da Alice Ongaro Sartori ed Enrico Bettinello. La mostra ha lo scopo, infine, di sviluppare una rete di ricerca interdisciplinare e globale per trovare, grazie ad uno sguardo innovativo e originale, una soluzione alla devastazione del cambiamento climatico.

Territorial Agency: Oceans in Transformation, Ocean Space, foto di Enrico Fiorese

Written by Eleonora De Beni