Sacrario di Piazza Nettuno

Contacts

Sacrario di Piazza Nettuno Piazza Nettuno,
Bologna

Il Sacrario nacque sul muro dell’attuale Salaborsa per iniziativa spontanea della cittadinanza, che fin dalla mattina del 21 aprile 1945 iniziò a depositare fiori e santini ricordo – in un pellegrinaggio che nei giorni successivi assunse dimensioni imponenti – sul muro di Palazzo d’Accursio che per mesi aveva visto (nell’angolo sprezzantemente battezzato “posto di ristoro”) le fucilazioni sommarie di partigiani e antifascisti ad opera dei tedeschi e delle Brigate nere.
Oggi il Sacrario raccoglie più di 2000 formelle con i ritratti o i nomi dei caduti e 16 di maggiori dimensioni che riproducono foto dell’epoca.

Fra le foto dei caduti vi è anche quella di Franco Cesana cui è stata intitolata anche una scuola primaria in città. Cresciuto a Bologna, frequentò la scuola ebraica dopo la promulgazione della legislazione antisemita e divenne giovanissimo partigiano, ucciso poi nella zona del modenese nel corso del 1944.