Jacopo Monini

IN OCCASIONE DELL'XL DAY ORGANIZZATO DAL TENAX ABBIAMO FATTO DUE CHIACCHIERE CON IL PROPRIETARIO DELLO STORICO LOCALE TOSCANO

Written by Emanuele Zagor Treppiedi il 2 June 2016
Aggiornato il 23 January 2017

Jacopo è al Tenax dal 1995, ma lo frequentava anche prima. Da pr poi è passato a diventarne il proprietario. In questa intervista in occasione dell’XL Day ci racconta qualcosa di più su di lui.

Zero – Presentati. Chi sei? Di dove sei? Quando sei nato? Dove vivi? Perché sei qui? Cos’hai fatto ieri sera?
Jacopo – Mi chiamo Jacopo Monini e sono nato a Firenze il 3 maggio 1973. Vivo e lavoro in questa città da cui ti scrivo e ieri sera ho cenato a casa con i miei figli e la mia compagna.

Cosa fai nella vita?
Sono un imprenditore e curo la direzione artistica del Tenax.

Tenax-ph-Luca-Bergami

Raccontaci come funziona il tuo lavoro e la tua giornata lavorativa
Mi alzo, porto a scuola i miei figli (quando ci riesco) e poi vado in ufficio. Qui, insieme ai miei soci, mi occupo di tutto ciò che riguarda la direzione artistica ed organizzativa del Tenax e, in questo periodo in particolare, degli ultimi dettagli organizzativi dell’XL day.

Con xl day sono cambiati i tuoi impegni?
In realtà non molto anche perché negli anni scorsi abbiamo sempre fatto eventi estivi nei club della riviera toscana.
Inoltre d’estate siamo sempre e comunque a lavoro per la stagione successiva! In questo periodo fra le altre cose ci stiamo occupando anche della programmazione degli eventi Lost in a Moment al Castello di Calcione in provincia di Arezzo e anche dell’organizzazione del party ufficiale di Pitti Uomo (L’altro Uomo Party), che come forse saprai si svolge durante la settimana di Pitti.

XL

Ci parli di questa giornata di clubbing sotto il sole? Com’è nata, com’è andata lo scorso anno? Chi vi supporta? Come avete scelto la line up?
XL DAY è nata come una scommessa, l’anno scorso Allessandro Bellucci delle Nozze di Figaro decise di prendere in gestione la Visarno Arena e successivamente ci siamo messi d’accordo per portare qualcosa di molto innovativo per una città come Firenze, ovvero un’evento di musica elettronica che si svolgesse in orario diurno.
XL DAY è un gioiellino destinato a crescere e in questa edizione c’è molta aspettativa. L’anno scorso era un po’ l’anno zero, questa seconda edizione ci dirà se stiamo andando o meno nella giusta direzione.
La lineup del 5 giugno alla Visarno Arena, che vede ospiti Nina Kraviz, Martinez Brothers Marco Faraone, Santé back to back con Sidney Charles e Hunter/Game è stata decisa in base a quello che ci sembrava più adatto per una situazione come XL DAY.
Naturalmente, come tutti i grandi eventi, anche questo conta sul lavoro di molti professionisti (che qui non ti cito qua perché sicuramente mi dimenticherei qualcuno!). Oltre a questo posso dirti che siamo inseriti nel calendario ufficiale dell’Estate Fiorentina 2016 e che siamo patrocinati dal Comune di Firenze.

L'Ippodromo del Visarno dov'è l'arena dell'XL Day
L’Ippodromo del Visarno dov’è l’arena dell’XL Day
Qual è il tuo guest preferito di quest’anno?
Ehehe, sono tutti fra i miei preferiti.

Se avessi un budget illimitato che party organizzeresti?
Mi concentrerei comunque su XL, aprendo anche alle band e alla contaminazione con altri generi musicali.

Invece parlaci del Tenax: divertente essere il proprietario di un locale così importante?
Da molta soddisfazione generare divertimento, però essere proprietario di un club importante è anche fonte di stress a volte.
Per le nostre riunioni ci ritroviamo quasi sempre nel nostro ufficio al Tenax, dove di solito mi aspettano i miei soci e Antonio Boldrini, mio amico e collaboratore, nonché socio di XL Day.

Come sei arrivato al Tenax, prima cosa facevi?
Ho iniziato la mia carriera in questo ambito come pr, lavorando per le discoteche più importanti di Firenze. Tra queste Jab, Villa Kasar e Meccanò. Erano i primi anni ’90.

Eri uno che andava a ballare al Tenax prima di lavorarci?
Si, ero già un’assiduo frequentatore.

Da quanto tempo sei al Tenax?
Dalla stagione 95/96

Qual è l’episodio più divertente che non hai vissuto ma che ti hanno raccontato degli anni passati del tenax?
Erano gli anni 80 e Keith Haring ci lasciò un suo disegno sul coperchio di un quadro elettrico. Il giorno dopo la signora delle pulizie lo cancellò.

Il disegno di Keith ovviamente non è stato fotografato ma Jacopo ci ha mandato questa foto storica di Elio Fiorucci e Vittorio Gassman al Tenax
Il disegno di Keith ovviamente non è stato fotografato ma Jacopo ci ha mandato questa foto storica di Elio Fiorucci e Vittorio Gassman al Tenax
Quando non lavori cosa fai? Quando sei a casa cosa fai?
Famiglia e bimbi. What else?

Se non fossi il direttore del Tenax cosa faresti nella vita?
Forse avrei lavorato in banca, mio padre faceva il bancario. Ma ero destinato ad un lavoro abbastanza differente.

Oltre al clubbing hai altre passioni?
Ai fornelli mi difendo abbastanza bene.

Collezioni qualcosa?
Email.

Hai sempre vissuto a Firenze? Qual è la zona della città che ti piace di più?
Ho sempre vissuto in questa città e la zona che mi piace di più è quella del Pian de Giullari e di Arcetri.

Ristorante della citta e piatto preferito?
Ristorante preferito: Cestello in Piazza del Cestello. Piatto preferito (al Cestello): Cruditè.

Drink bar e cocktail preferito?
Drink bar: Il Locale. Cocktail preferito: Mojito.

Qual è la cosa più matta che hai fato nella vita?
Comprare il Tenax.

Chi è il tuo eroe?
A pari merito, Batistuta e Daitan 3.