mer 18.04 2018 – sab 21.04 2018

Live Arts Week 2018

Dove

Bologna
Bologna

Quando

mercoledì 18 aprile 2018 – sabato 21 aprile 2018

Quanto

ing. vari

Contatti

Sito web

Dopo la fantastica edizione scorsa, Live Arts Week porta per il secondo anno consecutivo il fulcro centrale del suo programma negli spazi dell’Ex Gam, modulandone gli ambienti – ne siamo certi – con la solita genialità. Se qualcuno ancora non l’avesse capito, la nuova e unica Settimana internazionale della performance (quella che prosegue nella “tradizione” del ’77 e che in tanti si sono affannati a commemorare più o meno banalmente) è proprio questa di Xing, la creatura cangiante, estetica ed estatica di Silvia Fanti e Daniele Gasparinetti nella quale trovano casa ogni anno un insieme eterogeneo di opere dal vivo che ruotano attorno a corpi, suoni e visioni. Live Arts Week ne rappresenta la massima espressione, un incrocio di personalità note e sconosciute in grado di raffigurare alcune tra le migliori espressioni del contemporaneo. Troviamo, ad esempio, il mitico e imperdibile Mark Fell, campione dell’attivismo musicale inglese del nuovo millennio che si muove nel vasto territorio del suono sintetico e della musica algoritmica e Hannah Sawtell, una marxist-millenial che presenta la sua techno-not-techno iper digitalizzata; la grande coreografa tedesca Antonia Baehr accompagnata da Latifa Laabissi in una “danza” completamente decostruita attraverso una prospettiva antropologica e queer e Leandro Nerefuh/Libidiunga Cardoso, personaggione brasiliano che porta in scena le sue varie identità travestendosi con costumi ispirate dalla tradizione vernacolare carioca; la danza esplosiva di David Wampach e l’apnea visiva e sonora di Rodrigo Sobarzo.
Non mancano anche quest’anno le incursioni in città, “un susseguirsi di infiltrazioni e sabotaggi”: al MAMbo con l’opera immateriale dell’estone Krõõt Juurak, ovvero un Bad Mood che pervade la sede e lo staff del museo; tra Localedue e la piazza antistante con NOPA, progetto minimale nato collaborazione tra Luciano Maggiore e Louie Rice; da TRIPLA con gli stessi fondatori della galleria Paolo Bufalini e Filippo Cecconi che in questo caso “performano” lo spazio; da P420 con l’artista visivo Julian Weber che presenta HighWay, una scultura animata e inquieta; alla Galleria De’ Foscherari con Liliana Moro, già lì con una mostra personale.
Infine, il gradito ritorno del mattissimo Goodiepal, che insieme alla sua nuova band (Goodiepal & Pals) abiterà per tre giorni il Padiglione Esprit Nouveau di Le Corbusier trasformandolo in una sorta di cripta magica dove chissà cosa diavolo succederà. Ché se non è imprevedibile non è Live Arts Week.

QUI TUTTO IL PROGRAMMA

Scritto da Joe Teufel