mer 15.05 2019

Daniela Murgia

Dove

IED – Istituto Europeo del Design
Palazzo Franchetti, Campo Santo Stefano (San Marco) 2842, 30124 Venezia

Quando

mercoledì 15 maggio 2019
H 18:30

Quanto

free

Contatti

+39 0412771164

Organizzatore

IED Venezia

Materiale da portare: immaginazione e aderenza ai compagni di viaggio. Per la serie IED Cookies, l’illustratrice sarda Daniela Murgia, tra le più originali e intense della scena odierna, accompagna studenti e spettatori in un breve ma intrigante viaggio nel mondo del collage. La “promenade” artistica, oltre a un breve excursus sul collage, prevede anche un esercizio pratico attraverso la forma intrigante del “cadavre exquis”, gioco grafico collettivo tanto amato dai surrealisti. Con questo procedimento detto in italiano “cadavere eccellente” gli spettatori potranno sperimentare la pratica dell’immaginazione collaborativa. Se avete in qualche angolo della vostra anima un timido anelito all’estetica dadaista è il momento buono per lasciare a casa le inibizioni. Ok collage.

Benjamin, nel suo ben noto scritto “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”, dice: “Uno dei compiti principali dell’arte è stato da sempre quello di generare esigenze che non è in grado di soddisfare attualmente.” Secondo Benjamin i dadaisti provarono a risolvere l’urgenza delle esigenze proprio attraverso il collage.
Lo utilizzarono come sismografo, come strumento dialettico, come microfono attraverso il quale propagandare la fine di un’epoca basata su false certezze. Ancora oggi il collage consiste nel saper leggere, eleggere, scegliere, coinvolgendo tutti i propri cinque sensi, è quindi un gesto carnale. La storia dimostra che questo medium è stato utilizzato in arte in periodi storici caratterizzati da forti sommovimenti socioculturali, in periodi di congiunture economico-politiche, in momenti di impasse e di passaggio. Con il collage si può raccogliere, “cucire”, incollare pezzi di una società frammentata e spezzettata: proviamoci.

Scritto da L.R.