sab 07.09 2019 – dom 08.09 2019

Lattexplus Festival

Chi

  • Peggy Gou
  • Laurent Garnier
  • Dj Tennis
  • Mount Kimbie

Quando

sabato 07 settembre 2019 – domenica 08 settembre 2019

Quanto

€ 30/20

Organizzatore

Lattexplus Festival

0:00
0:00
  • It Makes You Forget (Itgehane) - Edit

    Peggy Gou

  • Mirapolis - Laurent Garnier Remix

    Laurent Garnier

  • I Can Tell

    Dj Tennis

  • Delta

    Mount Kimbie

Courtesy of Spotify™

Le serate di Gentiletti and friends (l’organizzatore di Lattex) solitamente si chiamano semplicemente Lattex, ma in questo caso il Plus va decisamente usato. Non tanto per rimandare a viziosi riferimenti di Kubrikiana memoria, ma perché siamo davanti alla terza edizione del festival che anno dopo anno è cresciuto sempre di “plus”.
Dopo Sesto Fiorentino stavolta si rimane nella culla del Rinascimento più precisamente al Parco delle Cascine. Qui Lattexplus inaugurerà, con la sua kermesse di musica elettronica, la nuova Q1 Arena: uno spazio che riqualificherà ulteriormente il più grande polmone verde della città di Firenze e che non avrà nulla da invidiare alle location dei festival internazionali. Troveremo infatti un’area al coperto (ché noi italiani, si sà, appena vediamo due nuvole andiamo subito in ansia) dove ballare e un’area open air in cui rilassarsi e magari mangiare un panino con il lampredotto.

Oltre al Plus non dimenticatevi anche la parola “festival”, perché la festa va avanti per ben due giorni. Così vedremo alternarsi in consolle la più quotata dj in circolazione che ha fatto del suo nome una specie di brand: Peggy Gou, un’instancabile lavoratrice dei giorni nostri, sui social ma anche nella vita reale, che macina non solo like ma anche consensi con i suoi dischi e i suoi dj set tra house e techno. Impossibile non essere obiettivi e apprezzare il suo talento, il suo carisma e la sua arte nell’essere dj oggi (tutto a meno di 30 anni). Con lei sabato da non perdere anche live di Ross From Friends, nickname e progetto del produttore/dj Felix Clary Weatherall, arricchito in live da altri due componenti di cui uno alla chitarra elettrica e l’altro ai synth e sassofono che andranno a comporre melodie house tanto solari quando groovy, perfette per farci addentrare nell’oscurità.

Domenica si cala l’asso pesante: monsieur Laurent Garnier, che mi fa sorridere quando indice un crow-founding tra i suoi fan per finire il suo film (come se ne avesse bisogno), ma che ogni volta che lo ascolto (e mi son fatto anche 8 ore di Sonar con lui) continua a non sbagliare mai un disco e un dj set. E poi i talentuosissimi Job Jobse e Avalon Emerson. Il primo è un altro di quelli che ha l’arte del djing nel sangue ed è in grado di fare un set electro, poi mettere un pezzo trance anni 90 e gasarti tantissimo; la seconda ha un suono più spigoloso e cavalca la techno come la jungle, fino alla new wave e all’house come solo poche donne sanno fare. E infine il buon Manfredi Romano aka Dj Tennis che sarà reduce dal Burning Man e che tiene alta la bandiera italiana nel mondo del clubbing e della discografia elettronica con il suo diligente lavoro per Life and Death.
Lattex, un festival plus di così non potevamo aspettarcelo. Grazie!

Scritto da Zagor