ven 06.09 2019 – sab 07.09 2019

Why Not Festival 2019

Dove

Fiorenzuola D'Arda
Fiorenzuola d'Arda

Quando

venerdì 06 settembre 2019 – sabato 07 settembre 2019

Quanto

free

Contatti

Sito web

“La provincia crea dipendenza”, cantano gli Zen Circus. Lo sanno bene gli organizzatori del Why Not Festival che con ostinazione portano la musica che conta nel proprio paesello, a Fiorenzuola d’Arda. Nato nel 1992, negli ultimi sei anni è diretto con continuità dai ragazzi del Collettivo14 che nella provincia vedono il luogo ideale per un festival come quelli di una volta, di quelli fatti a mano, completamente autogestiti e ad ingresso gratuito.
Messe da parte le logiche di mercato, le grandi città e le location esclusive, il Why Not Festival ha portato nelle sue ultime diciassette edizioni artisti come i già citati Zen Circus, ma anche Motta, Nobraino, Marta Sui Tubi, Il Pan del Diavolo, Fast Animals and Slow Kids, Bugo e altri ancora.
Quest’anno il festival diventa maggiorenne e per festeggiare l’età della maturità porterà sul palco, nella serata di apertura, il rap di ispirazione letteraria del professore di filosofia di giorno, rapper professionista di notte Murubutu, preceduto dalla metrica e storytelling mai banali su un sound vecchia scuola di Claver Gold e dal mix di stili e influenze rap anni ’90, abstract hip hop, e pop-rock dei Typo Clan. Per la seconda serata è il turno dei Tre Allegri Ragazzi Morti con i loro venticinque anni di musica alle spalle. In apertura la novità del collettivo ROMEA, che mescolano new jazz, soul, hip hop e musica elettronica con la ricerca visual, e la bravura storica di Giorgio Canali, ora in tour col suo nuovo album “11 canzoni di merda con la pioggia dentro”. A chiudere entrambe le serate i dj set di BopInTrouble e Tua Madre Lo Diceva per ballare fino a tarda notte.
A creare quella dimensione familiare, che troppo spesso manca nelle grandi città, oltre al programma musicale anche l’area street food da tutta Italia, il mercatino dedicato all’handmade, una zona dedicata a radio e associazioni culturali e un’area camping gratuita per fare del Why Not una seconda casa.

Scritto da Guendalina Piselli