gio 05.09 2019 – lun 16.09 2019

perAspera 2019

Dove

Bologna
Bologna

Quando

giovedì 05 settembre 2019 – lunedì 16 settembre 2019

Quanto

ingressi vari

Contatti

Sito web

Foto di Lara Russo

La dodicesima edizione del festival multidisciplinare perAspera torna a vagare tra Bologna e provincia toccando spazi storici, urbani e dismessi che diventano teatro e fonte di ispirazione per i progetti degli 11 artisti nazionali e internazionali invitati.

L’evento curato dall’associazione alberTStanley esplora quest’anno il tema dell’umanità, incrociando comunità, esperienze di realtà aumentata, viaggi sensoriali e tradizioni. Umano. Troppo Umano si apre il 5 settembre alle ore 19 presso Adiacenze, con l’anteprima nazionale The Third Day di CiRCA69 (UK), un’installazione interattiva attraverso la quale il visitatore può co-costruire con gli artisti una storia in tempo reale. Altra esperienza immersiva è quella di a Unique and Spectacular Moment (dal 13 al 15 settembre alle Serre dei Giardini Margherita di Bologna, in collaborazione con il Festival Resilienze) di BrightBlack (UK), ovvero l’artista transmediale Simon Wilkinson e Myra Appannah, nella quale due sconosciuti alla volta ricevono un walkie talkie, delle istruzioni e un obiettivo: andare tra le persone, creare un momento speciale e documentarlo.

Completamente al buio si svolge Darkness Session (expanded) dei percussionisti Francesco Cigana e Marcello Batelli nell’Oratorio San Filippo Neri l’11 settembre alle ore 20.30, mentre uno spettatore alla volta potrà diventare protagonista del lavoro coreografico del giovane Lorenzo De Simone che con Variazione #1: S. Velato mette in relazione un danzatore e un volontario nella Sala delle Mappe di Palazzo Rossi Poggi Marsili (Bologna) il 9 settembre (tre sessioni alle ore 19, alle ore 20 e alle ore 21 su prenotazione a info@perasperafestival.org).

La relazione tra artista e comunità è al centro dell’opera site specific dell’artista svedese Ida Bentinger che con le donne di Monte San Pietro ha creato l’opera di land art Intreccio, installata dal 6 settembre alle ore 19 in Piazza Case Bonazzi, intessuta a tante mani tramite le varie tecniche del filato e ispirata alla tradizione di macramè e tombolo del territorio (visitabile fino al 30 settembre).

La danzatrice Anna Marocco e il musicista Renato Greco portano invece in scena il 12 settembre alle ore 20.30 la Casa della Cultura Italo Calvino di Calderara di Reno, TOTEM, un’esperienza ipnotica a transpersonale in cui il copro cambia continuamente di stato.

A chiudere il festival, il 16 settembre alle ore 20.30 al Cassero, la poetessa e musicista elettronica S.ee (Serena Di Biase), insieme alla videomaker Jody Ellen (Elena Mortarelli), con l’audio-video performance Do humans dream of electric lions? seguita dal dj set di NEU Radio.

Tutto il resto del programma lo trovate qui.

Scritto da L.R.

Ad could not be loaded.
Ad could not be loaded.