sab 02.11 2019 – dom 03.11 2019

Archivio Aperto: Album Boris Lehman

Dove

Home Movies
Via Sant'Isaia 18, 40123 Bologna

Quando

sabato 02 novembre 2019 – domenica 03 novembre 2019

Quanto

free

Contatti

Sito web

Il film diario sarà indagato nell’opera di uno dei suoi esponenti più rappresentativi a livello internazionale, il belga Boris Lehman, che accompagnerà a Bologna una selezione della sua gigantesca opera filmica. Con questo omaggio a cura di Clizia Centorrino, Mirco Santi e Paolo Simoni, Home Movies suggella la collaborazione con Lehman che ha depositato a Bologna i suoi film 8mm e Super8, di cui l’archivio sta curando orgogliosamente il restauro.

Chi sono? Chi siamo? Quale storia portiamo sulla pelle ed è racchiusa nei nostri archivi personali? L’utopia di Boris Lehman, il “tentativo di descriversi” con le immagini, è lunga oltre mezzo secolo. Lehman, che fin dall’adolescenza ogni giorno filma e fotografa, ha realizzato circa 500 film e 300.000 scatti fotografici ritraendo se stesso, le persone incontrate, les choses della memoria, con le riprese di un’ultima (s)cena e persino del suo funerale. Ad aprire le due giornate dedicate a Lehman sarà sabato 2 novembre una doppia proiezione in pellicola: Album 1 (1974, Super8), ritratto personale e collettivo sul quale Lehman leggerà un testo accompagnato dall’improvvisazione musicale di Cecilia Stacchiotti, e À la recherche du lieu de ma naissance (1990, 16mm, 75’) che documenta il ritorno dopo 44 anni a Losanna, città nella quale l’autore vaga alla ricerca delle proprie origini. Domenica 3 novembre invece Lehman presenterà al pubblico Muet comme une carpe (1987, 16mm, 38’) con il quale documenta la tradizionale preparazione ebraica della carpa, mangiata in occasione del Capodanno ebraico, La dernière (s)cène ou l’évangile selon Saint-Boris (1995, 16mm, 14’) girato in qualche ora una domenica mattina ispirandosi all’Ultima cena di Leonardo, e Choses qui me rattachent aux êtres (2010, 16mm, 15’) dove gli oggetti del quotidiano diventano allegoria per autoritrarsi. Conclude la retrospettiva la proiezione di Histoire de ma vie racontée par mes photographies (2001, 16mm, 210’) dove le fotografie scattate da altri diventano materiale per raccontare e ricostruire la propria vicenda autobiografica. Sabato e domenica Lehman sarà protagonista anche del workshop “A spasso con Boris”, un’occasione per filmarsi e fotografarsi insieme al cineasta belga entrando così a far parte del mondo lehmaniano (il suo archivio), girovagando per Bologna, mangiando e bevendo assieme, tra una proiezione e l’altra.

Scritto da L.R.