gio 05.12 2019 – dom 08.12 2019

Jazz:Re:Found Weekender

Chi

  • Murubutu

Quando

giovedì 05 dicembre 2019 – domenica 08 dicembre 2019

Quanto

prezzi vari

0:00
0:00
  • Scirocco

    Murubutu

  • La notte di San Lorenzo

    Murubutu

  • Grecale

    Murubutu

Courtesy of Spotify™

In sintonia col proprio spirito di ricerca e riscoperta in ambito di black music e dintorni, continuano anche l’esplorazione e l’esportazione di Jazz:Re:Found sul territorio piemontese. Nel weekend del ponte dell’Immacolata, infatti, la preview del festival si divide tra Torino e Biella per un poker di appuntamenti che da un lato mettono in dialogo – come di consueto – jazz, rap ed elettronica, dall’altro collegano city e provincia, centro e periferia, scenari urbani e paesaggi bucolici.

Il viaggio del fine settimana comincia in maniera programmatica con uno dei più credibili ambasciatori della cultura hip hop in Italia: Bassi Maestro – talento sopraffino sia al mic che come producer – presenta al LAB di Piazza Vittorio il suo progetto North of Loreto, proponendo un dj set rigorosamente in vinile (insieme a Tony Negro e al local hero Dj Fede) che scandaglia le radici del genere fin dagli Ottanta e al contempo offre uno sguardo creativo e costruttivo sulle trasformazioni che hanno investito il noto quartiere milanese. Il giorno dopo, al Supermarket di Madonna di Campagna, si prendono appunti sulle rime dotte e militanti del professor Murubutu – accompagnato da MaNu! e Dj Rou – che porta per la prima volta nella motorcity l’ultimo disco “Tenebra è la notte”.

Il 7 ci si sposta a Biella, recentemente entrata a far parte dei Beni UNESCO anche grazie al progetto Cittadellarte, coadiuvato dall’artista di casa Michelangelo Pistoletto. Prima tappa all’Hydro per il ritorno in Italia del griot-cantastorie maliano Baba Sissoko, maestro mondiale del cosiddetto “tamburo parlante”, altrimenti detto Tamani, e vulcanico polistrumentista dall’ammaliante presenza scenica – sdoganato in ambiente clubbing dopo l’acclamato disco con Dj Khalab aka Raffaele Costantino, anche lui in line-up per sonorizzare le mostre di Pistoletto (tutte visitabili gratuitamente nel corso di JRF) negli spazi delle Terme Culturali. Il rituale sciamanico continua col Fat Fat Fat Soundsystem, a cura della crew dell’omonimo festival marchigiano, e con la performance di live painting a opera di Abdul Qadim Haqq/The Ancient, sonorizzata da Andrea Benedetti e Kreggo.

L’8 dicembre si sale direttamente al Santuario di Oropa (guarda caso intitolato alla “Madonna Nera”!) per la combo Torino Unlimited Noise e la “Polenta Experience”, con colonna sonora dei Jazz:Re:Found Selectors. Nella sua poetica Pistoletto ha auspicato l’esistenza di un Terzo Paradiso, frutto di una connessione equilibrata tra artificio e natura: pensateci quando a fine festival vi sentirete rigenerati dopo il pranzo con dj set approntato ad hoc al Ristorante La Fornace, a base di good vibe e delizie a chilometro zero.


PROGRAMMA

5 dicembre 2019 | Ore 22.00
Bassi Maestro presents North of Loreto – Tony Negro & Dj Fede
Lab | Piazza Vittorio Veneto 13/E, Torino – € 8

6 Dicembre 2019 | Ore 22.00
Murubutu – Ma Nu! B2B Dj Rou
Supermarket | Viale Madonna di Campagna 1, Torino – € 15 + d.p.

7 Dicembre 2019 – Dalle 16.00
Baba Sissoko – Raffaele Costantino – Fat Fat Fat Soundsystem
About Drexciya | Abdul Qadim Haqq – Live Painting + Andrea Benedetti & Kreggo
Città dell’Arte, Fondazione Pistoletto (Hydro) | Via Serralunga 27, Biella – € 8 + d.p.


8 Dicembre 2019 – Dalle 12.30

Torino Unlimited Noise – Jazz:Re:Found Selectors
Santuario Oropa

Scritto da Lorenzo Giannetti