sab 25.01 2020 – dom 06.09 2020

Uniform into the work/out of the work

Dove

MAST.
Via Speranza 40/42, Bologna

Quando

sabato 25 gennaio 2020 – domenica 06 settembre 2020

Quanto

gratis c. prenotazione

Il nuovo progetto espositivo curato da Urs Stahel dedicato alle uniformi da lavoro che, attraverso 645 scatti di grandi fotografi internazionali, mostra le molteplici tipologie di abbigliamento indossate dai lavoratori in contesti storici, sociali e professionali differenti.

Uniform into the work/out of the work comprende: una mostra collettiva sulle divise da lavoro nelle immagini di 44 fotografi e un’esposizione monografica di Walead Beshty, che raccoglie centinaia di ritratti di addetti ai lavori del mondo dell’arte incontrati dall’artista per i quali l’abbigliamento professionale è segno distintivo, una sorta di tacito codice dell’anti-uniforme.

La mostra collettiva La divisa da lavoro nelle immagini di 44 fotografi, allestita nella PhotoGallery, raccoglie 279 scatti di 44 artisti: celebri protagonisti della storia della fotografia tra cui Manuel Alvarez Bravo, Walker Evans, Arno Fischer, Irving Penn, Herb Ritts, August Sander e fotografi contemporanei come Paola Agosti, Sonja Braas, Song Chao, Hans Danuser, Barbara Davatz, Andrè Gelpke, Helga Paris, Timm Rautert, Oliver Sieber, Sebastião Salgado, immagini tratte da album di collezionisti sconosciuti e otto contributi video di Marianne Müeller.

La mostra monografica del fotografo americano Walead Beshty,Ritratti Industriali, allestita nella Gallery/Foyer, raccoglie 364 ritratti, suddivisi in sette gruppi di 52 fotografie ciascuno: artisti, collezionisti, curatori, galleristi, tecnici, altri professionisti, direttori e operatori di istituzioni museali. Sono fotografie di persone con cui l’artista è entrato in contatto nel suo ambiente di lavoro, mentre realizzava la sua arte o preparava le mostre. Nel corso degli ultimi dodici anni Walead Beshty ha fotografato circa 1400 persone con una macchina di piccolo formato e pellicola analogica di 36 mm, per lo più in bianco e nero.

Per prenotare scrivere a:  gallery@fondazionemast.org oppure telefonare al numero 345 9317653.

Scritto da L.R.