ven 07.05 2021 – dom 09.05 2021

Riccardo Baruzzi: Quadro sonoro (Bic Barchino)

Quando

venerdì 07 maggio 2021 – domenica 09 maggio 2021

Quanto

gratis su prenot.

Il Teatro Storico di Villa Aldrovandi-Mazzacorati, riconosciuto come tra i migliori teatri per qualità acustica ed esempio meglio conservato di teatro privato in Villa settecentesca della Regione Emilia Romagna, riapre le proprie porte al pubblico ospitando Quadro Sonoro (Bic Barchino) di Riccardo Baruzzi a cura di Pedro Rocha.

L’opera si presenta come una installazione video e sonora, nata da una riflessione sulle relazioni intese come sistemi capaci di alimentare le menti, i desideri e gli affetti.
In una cultura caratterizzata da un eccessivo consumismo e da una richiesta costante di stimoli affettivi istantanei prevalentemente guidati dalle tecnologie digitali, l’artista sposta l’attenzione su una maggiore distribuzione delle sensazioni e delle percezioni nell’esperienza culturale. Quadro Sonoro (Bic Barchino) cerca di mettere in relazione e fondere tra loro sensazione effimera e cognizione organizzata, sistemi meccanici e intuizione, azione estroversa e intensità introspettiva, cronologia lineare e topologie vibratorie, vista e udito, contingenza materiale e proiezione d’immagine. L’opera si sviluppa tramite la ripresa dall’alto dell’artista mentre interagisce con un sistema meccanico da lui costruito: uno strumento analogico che unisce la riproduzione musicale e l’esplorazione materiale. Nonostante l’apparenza solida e meccanica, il video mostra come le cadenze ritmiche e le tonalità modulate accusino una morbidezza e un comportamento più simili a un organismo.

A tal proposito, Baruzzi e la macchina rotante si suonano tra loro: da un lato l’interazione tra gli attori alimenta la ripetizione e la continua traduzione, dall’altro li sfida sfuggendo a superfici chiare di scopo o casualità. Nell’esecuzione, la sovranità di un progetto viene messa da parte e l’ispirazione viene trovata nelle contingenze e nelle improvvisazioni proprie del “bricoleur” di Lévi-Strauss. Abbracciando la propria precarietà, il lavoro di Baruzzi sfida così la storia di un’ideologia di cosmologie orientate sull’uomo, qui rappresentata dal luogo in cui è installato e suonato, il Teatro di Villa Aldrovandi-Mazzacorati, un edificio saturo dell’approccio razionalista dell’Illuminismo occidentale.

Orari e prenotazioni:

L’installazione è visibile dalla h 10 alle h 20 su prenotazione ai numeri 051 6496632 / 6496637 nelle seguenti giornate e orari: 3 e 4 maggio h 16- 20; 5, 6, 7, 8 e 9 maggio h 10-20.
I dati rchiesti saranno utilizzati sono ai fini della prenotazione dell’evento.

Scritto da L.R.