Konnubio

Zero qui: si gode un’ottima cucina, e compagnia, in un’ambiente che sa un po' di magia

Contatti

Konnubio Via dei Conti, 8r
Firenze

Orari

  • lunedi 07:30–00
  • martedi 07:30–00
  • mercoledi 07:30–00
  • giovedi 07:30–00
  • venerdi 07:30–00
  • sabato 07:30–00
  • domenica 07:30–00

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da La Redazione il 5 dicembre 2016
Aggiornato il 12 dicembre 2016

Magico Konnubio, a due passi dal Duomo. Ne ho sentito parlare a lungo, ne seguivo la pagina Instagram affascinata dalle foto di piatti gourmet e interni accoglienti, mi sono ripromessa più volte di andarci, eppure – ci credereste? – ci sono finita a cena per puro caso solo la settimana scorsa, invitata da amici di amici di amici conosciuti giusto una decina di minuti prima a un aperitivo. E allora, ben vengano gli incontri inaspettati se poi ti portano a trascorrere la serata in un posto come questo. Potrei definirlo un locale “100% instagrammabile”, con interni accoglienti, ricercati, e piatti che sembrano vere opere d’arte. Ciò che, invece, non si riesce a trasmettere sui social, è l’atmosfera quasi magica che avvolge la tavolata, e che dovrete forzatamente provare in prima persona. Così che scoprirete che, per un paio d’ore, è possibile concentrarsi solo sulla piacevole conversazione e sulla bontà delle proposte culinarie. Dimenticandosi addirittura di scattare le solite decine di foto. Ma cosa si mangia nello specifico? Nel menu troverete ricette per nulla scontate, derivate da una rivisitazione della cultura toscana in chiave moderna e cosmopolita, un vero e proprio “connubio” di sapori e tradizioni che portano a leccarsi i baffi a ogni portata. Unico consiglio: lasciate un posticino (anche qualcosa di più) per il dolce. Solo la lettura della carta dei dessert vi farà venire l’acquolina in bocca. E vi ritroverete a chiedere una piccola degustazione con assaggi dei vari piatti. La dieta, poi, domani.

Elena Minozzi

Ad could not be loaded.
Ad could not be loaded.