Addio ai cocktail di Scarto. Il 21 marzo la festa di chiusura

Scritto da La Redazione il 2 marzo 2020

“Aumentare la consapevolezza riguardo i temi dell’energia, delle risorse e dello spreco con particolare riferimento al cibo e all’industria alimentare, attraverso attività ed eventi basati sulla produzione, la degustazione, la lavorazione e la conservazione del cibo, l’uso parsimonioso e attento delle risorse, soluzioni non convenzionali e sperimentali e la diffusione della conoscenza”. È l’idea-manifesto di Carsten Steinacker, bartender e architetto di origini tedesche, che nel 2018 decise di mettere in pratica la sua filosofia zero-spreco in quello che era un ex monastero in via della Braina trasformandolo in un cocktail bar completamente diverso da tutti i cocktail bar di Bologna.

Tra muri scrostati e pochi arredi minimal in legno Scarto ci ha deliziati per un paio d’anni con la sua drink list ad alto contenuto di sperimentazione tra tecniche di fermentazione ed essiccazione. Indimenticabile tra i tanti, il cocktail di Carsten alla nostra Bologna Bar Marathon con con Old Tom gin, lime stock homemade, panna acida fermentata homemade, sciroppo di zucchero, soda e Aacqua di fiori di gelsomino homemade.
Purtroppo l’avventura finirà il 21 marzo con una tombola in cui “ogni cartella vince” e la “svendita” di tutto l’arredamento fatto a mano (per info hello@scarto.net).

“Per noi è arrivato il momento per cambiare aria – scrivono. Andiamo via in un momento di piena crescita. Volevamo cambiare il mondo nel piccolo. Perciò abbiamo messo il mondo della miscelazione sottosopra. Speriamo di aver condiviso il divertimento tramite i nostri cocktails”.

Ad could not be loaded.
Ad could not be loaded.