Knobs: la rassegna dedicata alla nuova musica elettronica italiana di Panico Concerti

Dal 22 novembre da Nero Factory.

Scritto da La Redazione il 5 novembre 2018

Unire con un filo l’elettronica del dancefloor a quella dell’avanguardia, poi prendere una selezione di quello che sta in mezzo e portarla da Nero. Knobs, la nuova rassegna di Panico Concerti, prova a ricostruire i pezzi della nuova musica elettronica italiana, concentrandosi in particolare su quei progetti che privilegiano l’ascolto.
Si parte i 22 novembre con Brianoize, giovane producer campano, che nel 2016 ha pubblicato “Girl” per Panorama Musique Records, un lavoro che parte da vecchi registratori a nastro, macchine di generazione sonora analogica e 16 pad di un campionatore per svilupparsi in texture sample-based, trame astratte, fill e rincari di batterie.
Giovedì 29 novembre arriva Alek Hidell, producer e musicista sardo trapiantato a Milano in grado di giocare con suoni prog anni settanta e library music à la Umiliani e Piccioni ma anche di contaminare il suo suono con riferimenti afro e balearic. Il 6 dicembre spazio invece a un back to back: da una parte Valerio Maiolo, direttore artistico del festival Spectrorama che lavora sullo spettro sonoro utilizzando la propria voce e manipolando al computer segnali digitali armonici, dall’altra Rocco Marchi polistrumentista, arrangiatore e compositore da sempre interessato all’elettroacustica. Poi l’ibrido tra ambient, matrici pop elettroniche e weightles del progetto di Alessandro Maccarrone e Paolo Peyron, Palindrome (il 13 dicembre), e infine i chiaro scuri cosmici della sassofonista e musicista elettronica, anche componente dei Julie’s Haircut, Laura Agnusdei (il 20 dicembre).