Le cartoline che raccontano la storia del Pilastro

Scritto da La Redazione il 12 giugno 2020

Foto di Lino Bertone

Poco più di cinquant’anni di esistenza e una radicale trasformazione urbanistica dell’area che da zona prevalentemente agricola si è trasformata in area destinata ad ospitare la popolazione più povera della città per rispondere alle necessità abitative della manodopera.
Ad oggi il rione Pilastro, sebbene caratterizzato dalla percentuale più elevata di indicatori di fragilità demografica, economica e sociale della città e sebbene sia ancora oggetto di stigmatizzazioni, presenta una interessante rete di realtà sociali pubbliche e private.

Cartoline da un luogo memorabile è il nuovo progetto a cura di Laminarie, la compagnia che cura lo spazio DOM, in collaborazione con la Fondazione Cineteca di Bologna che consiste nella pubblicazione quotidiana, sui canali social della compagnia, di due cartoline realizzate con il materiale fotografico dell’archivio digitale di comunità del Pilastro che Laminarie cura dal 2015.
Due cartoline scelte tra quelle proposte verranno poi stampate e inviate ad ogni residente del rione allo scopo di mantenere acceso il legame tra lo spazio DOM e i cittadini intorno alla memoria del rione fondato nel 1966.

Il progetto potrebbe essere definito come una sorta di “piano sequenza” che cerca di mostrare la storia e l’evoluzione culturale, sociale, urbanistica ed economica del Pilastro attraverso lo sguardo personale dei tantissimi abitanti del rione che hanno messo a disposizione di Laminarie e del DOM i loro ricordi, donando fotografie scattate a partire dal 1966 fino ad oggi e delineando così un altro punto di vista su un luogo ai più sconosciuto.

L’obiettivo è comunque ampliare l’archivio grazie ad una rinnovata collaborazione dei cittadini che sono invitati, se lo desiderano, ad inviare fotografie del Pilastro di ieri e di oggi a: info@laminarie.it