LOST: al Labirinto della Masone il festival con Jon Hopkins, Alva Noto, Minibus Pimps e tanti altri

Foto di Mauro Davoli

Scritto da La Redazione il 4 marzo 2020

Ai piedi della maestosa piramide del Labirinto della Masone dal 12 al 14 giugno a Fontanellato (Parma) ritorna LOST (Labyrinth Original Sound Track).

I primi nomi annunciati in line-up (ai quali ne seguiranno altri) sono: Minibus Pimps, progetto nato nel 2011 dal bassista e co-fondatore dei Led Zeppelin John Paul Jones e dal producer norvegese di culto Helge Sten aka Deathprod, anche protagonista di un set solista al festival con il suo recentissimo OCCULTING DISK (uscito lo scorso ottobre dopo oltre quindici anni dall’ultimo lavoro in studio); l’inglese Jon Hopkins, che presenterà uno show audiovisual ispirato al suo recente lavoro Singularity; il compositore tedesco Alva Noto, protagonista della storia della musica elettronica; il musicista e visual artist Christian Löffler, con la sua miscela inconfondibile di ambient e minimal techno, a LOST per presentare Lys, il suo nuovo album in uscita a marzo 2020 per Ki Records in un live a/v con la cantante Mohna; il producer britannico Ben Chatwin (già noto con il moniker Talvihorros), in un set elettronico che lo vede al centro di un dialogo con il violoncellista Pete Harvey; il live di Bewider,progetto nato nel 2013 dal producer e compositore cinematografico e televisivo Piernicola Di Muro, accompagnato dai visuals inediti di Loon.

Tra le novità più significative di questa seconda edizione, oltre a quella dell’incremento di un giorno nella programmazione, la creazione di un camping dedicato agli ospiti di LOST all’interno dell’Oasi verde retrostante il Labirinto.

Info, biglietti e aggiornamenti su www.lostmusicfestival.com

Ad could not be loaded.
Ad could not be loaded.