ArtRockMuseum: Mimes Of Wine e la musica della sua vita

La cantautrice Laura Loriga, ospite della rassegna musicale a Palazzo Pepoli il 3 marzo, ci ha raccontato i suoi 10 pezzi preferiti

Foto di Roberta Sardi studio Wood

Scritto da La Redazione il 1 marzo 2016
Aggiornato il 9 marzo 2016

Il songwriting vagamente gotico di Laura Loriga non ha molti simili da queste parti e in effetti molte delle canzoni di Mimes of Wine, il suo progetto musicale, sono state scritte tra Los Angeles e Bologna. Il suono, gli arrangiamenti, la voce rimandano a Pj Harvey, Tori Amos, Lisa Germano e Jeff Buckley, nomi importanti e del tutto pertinenti con lo stile dei suoi album. Giovedì 3 marzo sarà ospite della rassegna ArtRockMuseum con live per voce e pianoforte, con brani dei sui dischi già pubblicati e inediti dell’album di prossima uscita.

Per arrivare preparati ci siamo fatti raccontare la musica della sua vita. Godetevela.

CanYoo Doo Right
È stata parte della colonna sonora di molti viaggi in macchina; ogni volta che la si metteva su ci meravigliavamo di quanto nonostante sia un brano piuttosto lungo, potrebbe senza problemi continuare praticamente in eterno, un groove perfetto.

 

Rowland S. HowardSleep Alone
Sono una grande fan di tutto il suo lavoro; questo pezzo in particolare, insieme ad altri come Ave Maria, continuano a tornarmi in mente.

 

Sybille BaierColour Green
La semplicità e la sincerità delle sue parole e della sua voce, unite a una musica che così semplice non è per niente, mi hanno affascinato dalla prima volta che l’ho sentita molti anni fa, come anche la storia della sua vita.

 

Townes Van Zandt Our Mother the Mountain
Ringrazio di aver avuto la fortuna di scoprirlo ed ascoltarlo negli ultimi anni, secondo me una delle voci più forti (con le parole più forti) in assoluto, che ha cambiato il mio modo di guardare la musica.

 

MorphineThe Night
Un altro groove perfetto, per me. Qui poi, la prima volta che l’ho sentita mi sono commossa; rararmente mi è arrivata tanta potenza, ironia, tristezza e sentimento tutto insieme.

 

HRTKHa
Trio-duo australiano che mi ha fatto innamorare del loro genere. Potentissimi.

 

Simon FinnHiawatha
Sono rimasta molto colpita anche qui dalle parole, dalla qualità graffiante e imperfetta della voce e dei suoni in generale, un altro cantautore con una voce del tutto sua.

 

Robbie BashoBlue Crystal Fire
Non so come pensare a lui se non come a una presenza che porta verso altre sfere, soprattutto in questo brano, ma in tutto Visions of the Country e anche in tutti gli altri album.

 

PJ HarveyIn the Dark Places
Ho sempre amato PJ Harvey, ma in particolare dalla svolta che ha preso con White Chalk in poi mi ha completamente conquistata in maniera profonda. Ammiro moltissimo le sue scelte sonore, la sua eleganza e il suo coraggio come musicista.

 

Scout NiblettGun
Vorrei un giorno essere in grado di scrivere un disco come i suoi, con assolutamente nulla di superfluo. Dopo averla vista live, in una chiesa a Los Angeles (luogo bellissimo), ho cercato questa canzone per un paio d’anni finchè non è uscita nel disco seguente.