Nel parco di Villa Aldini gli eventi di archiviozeta e il punto ristoro di ZOO

Il 26 maggio apre “inosservanza“: letture, spettacoli, incontri e laboratori al tramonto sul colle dell’Osservanza

Scritto da La Redazione il 24 maggio 2021

Foto di Andrea Sangiovanni

Dopo molte vicissitudini, Villa Aldini, la villa napoleonica che si trova in via dell’Osservanza e fu, tra le altre cose, set di alcune scene di Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pasolini, avvia nell’estate 2021 un percorso che dovrebbe portarla nei prossimi anni a diventare un centro educativo e culturale.

La struttura, in attesa della ristrutturazione, è al momento inagibile, ma il parco che la ospita potrà invece abitare dal 26 maggio al 15 ottobre inosservanza, un progetto di residenza artistica a cura di archiviozeta. La compagnia teatrale diretta da Gianluca Guidotti ed Enrica Sangiovanni, che aveva già scelto gli spazi antistanti della Villa come scena del progetto speciale Pilade/Pasolini (2015) e di Antigone/Nacht und Nebel (2020) ha preparato un calendario di iniziative che ruotano attorno alla sua nuova produzione Topografia Dostoevski e si svolgeranno a luce naturale, spesso al tramonto, per fare di Villa Aldini non solo un luogo di ritrovo o scenografia perfetta per spettacoli, ma anche un punto di riferimento culturale per la città da primavera fino all’autunno.

Prove, incontri, letture e laboratori che hanno l’obiettivo di offrire momenti di approfondimento e svago, ma anche osservando il tramonto seduti su una sedia o sul prato o mangiare e bere qualcosa grazie al punto ristoro realizzato in collaborazione con ZOO, che proporrà a sua volta laboratori per bambini, ragazzi e adulti dedicati allo yoga, alla respirazione, al disegno e ai giochi all’aperto.

Si parte mercoledì 26 maggio con la messa in scena da parte di archiviozeta dell’ultimo dialogo tratto da Dialoghi con Leucò di Cesare Pavese sulle note del clarinetto e con l’accompagnamento dell’improvvisazione di MUVet.

In collaborazione con la Biblioteca Amilcar Cabral e il Patto per la lettura Bologna, invece, una serie di presentazioni di libri e incontri, durante i quali sarà possibile accedere al servizio prestiti del sistema bibliotecario. Al libro e alla lettura sarà dedicata anche la book-station a cura di Equi-libristi: una mensola/libreria nella quale vengono collocati i libri recuperati affinché i frequentatori possano prelevarli, leggerli e, se vogliono, portarli a casa.

Tra gli altri appuntamenti proposti ci saranno, poi, anche quelli di MUVet dedicati all’incontro, all’ascolto e allo scambio tra danza e musica dal vivo; Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia nell’ambito della rassegna Archivio Aperto con proiezioni sperimentali di materiali d’archivio e incontri; e ancora Massimo Carozzi in audio-residenza.

QUI IL CALENDARIO COMPLETO