Tra i calanchi al tramonto gli eventi di Fienile Fluò

Scritto da La Redazione il 3 giugno 2021

Un antico fienile restaurato che accoglie un piccolo teatro, un ristorante con i prodotti del territorio e proposte varie come le cene in vigna e i pic nic: Fienile Fluò torna anche quest’estate “sfruttando” al massimo il proprio bellissimo contesto naturale aggiungendo alla solita offerta una rassegna multidisciplinare che riunisce spettacoli teatrali, concerti, performance di danza e passeggiate racconto nei percorsi naturalistici.  È Scena Natura, che da luglio a ottobre, porta all’ombra dei calanchi una proposta che spazia dal teatro contemporaneo alla musica, dalle passeggiate/racconto nella natura alla danza internazionale.

Si parte il 30 giugno con il teatro e OUT! (repliche 7, 21, 28 luglio e 4, 11 agosto h. 22:00), un progetto di Allegra de Mandato e Angelica Zanardi, prodotto da Crexida/Anima Fluò, che rievoca in maniera drammaturgica il difficile periodo pandemico di “esclusione” e il costante bisogno di un dialogo tra il dentro, nell’intimità, e il fuori, nel mondo esterno. Il 14 luglio Ugo Dighero e Daniele Ronco, inventore del “teatro a pedali”, portano sul palcoscenico le grandi sfide ambientali con Un pianeta ci vuole… C’è nessuno?; l’1 e il 29 agosto torna l’appuntamento con Tra gli alberi walk, le passeggiate racconto con l’attrice Angelica Zanardi e la violinista Erica Scherl.

Luglio è il mese della musica con la mini rassegna escurSonica, un’immersione nei sentieri della musica e della natura, curata da Pierfrancesco Pacoda. Quattro concerti (l’ultimo a ottobre, tutti dalle ore 20:30) che spazieranno tra i linguaggi diversi del jazz e dell’elettronica con Tati Valle (4 luglio), Tiziano Popoli (11 luglio), Earthset (18 luglio), Consorteria delle tenebre (15 ottobre),

Ad agosto si accende il Cinema Fluò, 5 serate di proiezione con le pellicole selezionate da Roy Menarini che raccontano la relazione tra uomo e ambiente: si parte con In viaggio verso un sogno, road movie ed esordio alla regia di Tyler Nilson e Michael Schwartz; si prosegue con Nel nome della Terra (11 agosto), uno spaccato sulla vita di chi è legato al lavoro dei campi, costretto a combattere con una società in cui il profitto sta al primo posto; il 18 agosto sarà la volta di Corpo e Anima, in cui la vita e la morte degli animali fanno da sfondo e contrappunto alle vicende umane; a chiudere, uno dei capolavori di John Ford, Com’era verde la mia valle, del 1941.

Settembre è, infine, dedicato alla DANZA con la collaborazione del giovane coreografo di successo Carlo Massari, direttore della compagnia di danza C&C Company.

Per info e costi: www.fienilefluo.it