Link

Contatti

Link Via F. Fantoni, 21
Bologna

Non occorre essere nostalgici per capire che dal 1994 molto è cambiato. Va però specificata una cosa: quello che, in data 11 aprile 1994 in via Fioravanti e dentro un ex-magazzino farmaceutico, nasceva dall’esigenza e dalla propulsione al fare di alcuni, è stato il centro di produzione sul contemporaneo più importante d’Italia. Dai film sperimentali all’arte visiva passando per la performing art, il teatro, la musica e la club culture, le sale del Link videro transitare i Mutoid e Jérôme Bel, i Coldcut e i Granulas Synthesis, i Massive Attack, Plastickman e Aphex Twin. Tutto era il risultato della voglia di far conoscere, al melting pot sociale che viveva quegli spazi, mondi d’intrattenimento diversi da quanto normalmente si vedeva in giro; mondi svincolati da ogni tipo di calcolo e legati solo dalla voglia di produrre qualcosa che nessun altro in Italia facesse. Poi la connessione e lo scambio si interruppero; ogni disciplina prese la sua strada, qualcuna prevalse, arrivò internet e ognuno potè conoscere tutto e subito. Influirono la politica e la trasformazione della città e il Link cambiò sede. Oggi è il Cubo di Via Fantoni, in zona Caab, eppure la voglia di far festa, celebrare la musica – trait d’union interdisciplinare – è rimasta, fra party techno, house e drum’n’bass con i migliori producer internazionali, session di hip hop e workshop di urban sound.