Le sturmtruppen del genio Bonvi in mostra a Bologna

Per i 50 anni dei soldaten, oltre 250 opere provenienti dall’Archivio Bonvicini e in gran parte inedite.

Scritto da La Redazione il 11 ottobre 2018

L’esercito a fumetti più sgangherato e famoso del mondo compie 50 anni e arriva in mostra a Palazzo Fava dal dal 7 dicembre al 7 aprile 2019 con Sturmtruppen 50, curata dalla figlia Sofia e da Claudio Varetto. Era il 1968 quando Francesco Bonvicini, seduto al tavolo di un’osteria, disegna la prima striscia delle sue Sturmtruppen. Dal soldaten semplice ai vari Sergenten, Capitanen, Generalen e Cuoken, fino al fiero alleaten Galeazzo Musolesi, unico personaggio dotato di identità, le Sturmtruppen diventano presto il fumetto antimilitarista per antonomasia, denunciando con spirito caustico la stupida bestialità della guerra.

250 le opere esposte in gran parte inedite, tutte provenienti dall’Archivio Bonvicini, che passano in rassegna la vastissima produzione artistica dell’autore, arrivando persino al suo lato vietato ai minori con Play Gulp, parodia erotica di tutto il mondo del fumetto mai esposta prima.