Mi 17.04 2019

Bruno Bavota

Wo

Palazzina Liberty
Largo Marinai d'Italia 1, 20135 Milano

Wer

  • Bruno Bavota

Wann

Mittwoch 17 April 2019
H 21:00

Wie viel

€ 15 (in cassa)/€ 12 (su prenotazione)

Kontakte

Sito web

Veranstalter

Plunge + Basemental

0:00
0:00
  • Passengers

    Bruno Bavota

  • Passengers

    Bruno Bavota

  • The night of

    Bruno Bavota

Courtesy of Spotify™

Da parecchi anni a questa parte mi chiedo se esista davvero una „musica classica contemporanea„. La risposta affermativa parrebbe riferirsi a tutta una serie di produzioni di stampo accademico che mantengono un legame formale e strumentale con ciò che siamo soliti qualificare come classico, ma che nella maggior parte dei casi hanno ben poco a che vedere con lo spirito culturale della „contemporaneità“.

A questa stessa domanda sembra provare a rispondere la nuova rassegna milanese targata Plunge, che ironizza già dal nome sulla natura del quesito: se esiste qualcosa che può ambire a chiamarsi „classicismo“ nella contemporaneità, è qualcosa di essenzialmente non-classico, come non-classico nel Novecento era Wagner assumendo Beethoven come standard di classicismo. Tre appuntamenti autunnali che pescano da quel bacino di compositori-esecutori che hanno provato a intersecare gli elementi portanti della tradizione colta („classica“, appunto) occidentale ai connotati più emblematici della cultura musicale contemporanea: l’impiego di strumentazione elettronica, la melodia sganciata dal formalismo più rigido, il ricorso a strumenti espressivi mutuati dal pop e dal folk.

A introdurre questo percorso la preview primaverile con protagonista Bruno Bavota. Una figura atipica, che partendo da un pianismo di stampo nobilmente pop ha costruito negli anni una vera e propria „one man orchestra“ in cui chitarra elettrica, pianoforte trattato, sintetizzatori, loop e sound object ricamano trame di straordinaria immediatezza emotiva. Alla larga dal formalismo, dall’ortodossia, da quella forzata sobrietà che con la contemporaneità, e il suo possibile, futuro „classicismo“, non hanno e non possono avere nulla a che vedere.

ASCOLTA CINQUE ALBUM MODERN CLASSICAL CONSIGLIATI DA BRUNO BAVOTA:

Balmorhea – „All Is Wild, All Is Silent“ (2009)

Ólafur Arnalds – „…And They Have Escaped The Weight Of Darkness“ (2010)

Ludovico Einaudi – „Divenire“ (2006)

Max Richter – „The Blue Notebooks“ (2008)

Dustin O’Halloran – „Lumiere“ (2011)

VINCI CON ZERO

Zero e Plunge ti mandano gratis al concerto di Bruno Bavota per la preview di (un)classical. Per partecipare, basta mandare una e-mail a contest@edizionizero.com specificando la città e l’evento di riferimento nell’oggetto e il proprio nome e cognome nel corpo dell’e-mail. I due vincitori saranno estratti tra tutti coloro che avranno partecipato entro le 12 del 17 aprile e saranno gli unici a ricevere una risposta via e-mail

Geschrieben von Massimo Richter

Contenuto pubblicato su ZeroMilano - 2019-04-16