Di 28.05 2019 – Sa 13.07 2019

Against colour stroke vectors

Wann

Dienstag 28 Mai 2019 – Samstag 13 Juli 2019

Wie viel

free

„Against colour stroke vectors“ è un titolo altamente evocativo, aperto a varie possibilità di lettura ma anche capace di veicolarci all’interno di quella rivelazione novecentesca chiamata pittura astratta.
La collettiva con cui la Galleria Massimo De Carlo chiude la stagione espositiva della sede di Palazzo Belgioioso è un’occasione unica di dialogo fra artisti appartenenti a generazioni diverse ma le cui traiettorie formali sembrano magicamente incrociarsi in più punti.
La luce al neon che si irradia nelle pitture volumetriche di Mario Merz è presente anche nei più recenti dipinti della losangelina Mary Weatherford, la cui pennellata è però certamente più prossima ad una rielaborazione della stagione informale piuttosto che al „primitivismo“ del tutto personale dell’artista torinese.

Le stesure della Weatherford trovano semmai un modello di riferimento nella gestualità di Emilio Vedova, e in particolare nelle grandi tele realizzate negli anni 80 dal maestro veneziano, decennio in cui probabilmente Vedova esprime più che mai la sua vocazione di pittore d’azione.
Il celebratissimo Gunther Forg (alla quinta mostra con Massimo De Carlo incluse due bipersonali) incarna invece come nessuno la figura dell’artista trasversale, enciclopedico e poliedrico; un talento che durante tutta la sua carriera è riuscito con la medesima consapevolezza a rielaborare i più disparati modelli di pittura astratta e non solo.
Poetiche che seguono parabole lontane nel tempo e nello spazio ma anche capaci di arricchirsi di quell’inesorabile fenomeno di contaminazione che rappresenta il vero fertilizzante della contemporaneità.

Geschrieben von Marco Beretta

Contenuto pubblicato su ZeroMilano - 2019-06-16