Mo 21.09 2020 – Di 22.09 2020

InnerSpaces: Otolab + JesterN

Wo

Auditorium e Galleria San Fedele
Via U. Hoepli 3a/b, 20121 Milano

Wann

Montag 21 September 2020 – Dienstag 22 September 2020
H 21:00

Wie viel

€ 12/6

Kontakte

Sito web

Veranstalter

San Fedele Musica + Plunge

L’abituale che si trasforma in eccezionale. Se per sei anni le immersioni elettroniche del lunedì di Inner_Spaces sono state un appuntamento fisso e una dimensione ormai nota di sviaggi sonori, tornare nella sala dell’Auditorium San Fedele di questi tempi avrà probabilmente il gusto dell’esplorazione inedita, l’ebrezza della missione alla (ri)conquista di nuovi spazi (analogici e digitali).

Inner_Spaces riprende e recupera con una due giorni „audiovisiva“ lì dove si era interrotta, a febbraio, la stagione raddoppiando l’appuntamento con due nomi „di casa“ della rassegna – Otolab e JesterN aka Alberto Novello. Un segnale di presenza sul territorio della rassegna curata da San Fedele Musica e Plunge che prova a riportare l’attenzione del suo pubblico sulla ricerca e soprattutto sull’esperienza live, attraverso due nuove produzioni con tecnologie laser. Il collettivo milanese – più che un collettivo, un’idea di dimensione comunitaria dove la ricerca incrocia principi di mutuo confronto e sostegno, di libera circolazione dei saperi e di sperimentazione – presenta „Ex“: il raggio laser viene proiettato su uno schermo speciale fotosensibile che assorbe per alcuni secondi la traccia luminosa trasformandola in una nuvola fluorescente, creando così una fitta interazione tra le scintillanti figure abbozzate dal laser e la nube monocroma risultante, come una sorta di risonanza visiva.

Diverso il nuovo progetto proposto da Alberto Novello: un „laser drawing“ di natura analogica attraverso cui costruisce trame narrative vicine ai film di animazione, con sagome di personaggi immaginari o di oggetti che prendono forma partendo dai tracciati delle proiezioni lineiformi in una stretta interazione con il materiale musicale. Gli unici lunedì che davvero ci mancavano.

Geschrieben von Olivia Rumori