Ristorante Jodok

ZERO hier: Si ferma lunghe ore a riposare le ossa e le ali

Kontakte

Ristorante Jodok Via Ippocrate, 45
Milano

Zeitplan

  • lunedi 12:30–14:30 , c–h
  • martedi 12:30–14:30 , 20–22:30
  • mercoledi 12:30–14:30 , 20–22:30
  • giovedi 12:30–14:30 , 20–22:30
  • venerdi 12:30–14:30 , 20–22:30
  • sabato c–h
  • domenica c–h

Bitte überprüfe immer deine Informationen

Preise

Geschrieben von Simone Muzza il 20 Juli 2015
Aggiornato il 16 September 2016

„I matti vanno contenti/a guinzaglio della pazzia/a caccia di grilli e serpenti/tra il campo e la ferrovia“. Tra le (molte) belle canzoni di De Gregori, quella sui matti mi ha sempre fatto venire i brividi. Mi è tornata in mente l’altra sera mentre mangiavo al Jodok, il ristorante dell’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini. Qui la cooperativa sociale Fabbrica di Olinda si occupa da anni „di ricostruire accessi ai diritti di cittadinanza di persone con problemi di salute mentale“; detta in maniera meno istituzionale, Olinda ha aperto il Pini alla città (e viceversa) attraverso bar, ristorante, teatro, cinema, ostello, giardino degli aromi, concerti, dj set e mille altre attività, scoprendo che „da vicino nessuno è normale“. Sto divagando, ma la premessa in questo caso era necessaria. Tornando al Jodok, è un’onesta trattoria italiana dove mangiare in giardino a prezzi economici a pranzo e medi a cena. Tra i piatti che abbiamo assaggiato: testaroli al pesto, vitello tonnato, crema di ceci con pesto di noci-acciughe-capperi, bavarese alle fragole. D’obbligo fermarsi anche al Jodok Beach Bar per una birra o un cocktail. Me ne torno a casa contento, fermando il traffico con la mano. Poi attraverserò il mattino con l’aiuto di un fiasco di vino.