GAM - Galleria d'Arte Moderna di Milano

Kontakte

GAM - Galleria d'Arte Moderna di Milano Via Palestro, 16
Milano

Zeitplan

  • lunedi chiuso
  • martedi 09–17:30
  • mercoledi 09–17:30
  • giovedi 09–17:30
  • venerdi 09–17:30
  • sabato 09–17:30
  • domenica 09–17:30

Bitte überprüfe immer deine Informationen

Geschrieben von La Redazione il 17 Juni 2015
Aggiornato il 26 März 2019

Prima del Novecento c’è stato l’Ottocento. Prima del Museo del Novecento, Milano aveva (e ha ancora) il Museo dell’Ottocento. Più defilato di Palazzo Reale, meno pubblicizzato dell’Arengario, sicuramente più visitato dai turisti che non dai milanesi: sta a Villa Belgiojoso Bonaparte, alias Villa Reale, sede della GAM. Sì, vale la pena trascorrere un pomeriggio fra sue le stanze: ne vale la pena per l’epica poesia evocata dalle opere di Andrea Appiani, per il romanticismo ante litteram di Giuseppe Bossi e per incontrare la massima celebrità del neoclassicismo italiano, Antonio Canova. Dai grandi di fine Settecento, si approda al secolo seguente con l’intensità dei ritratti di Francesco Hayez.

E poi romantici, scapigliati, divisionisti, impressionisti e realisti, ognuno giustifica la visita: l’incanto dell’opera di Gaetano Previati, l’energia propulsiva di Medardo Rosso, l’intreccio di colori e simbolismo di Giovanni Segantini. E non dimentichiamo la Collezione Grassi al secondo piano – con opere di Van Gogh, Cézanne, Renoir, Manet, Fontanesi -, e la Collezione Vismara – 40 capolavori di arte moderna e contemporanea – al piano terra. Collezioni pubbliche e private: voi dateci l’arte, noi la ameremo “con geniale sfrenatezza”, come gli scapigliati.