Andrea Esu presenta Spring Attitude 2018

Vi siete mai chiesti come viene scelta la line up di un festival?

Geschrieben von Nicola Gerundino il 2 Oktober 2018

Vi siete mai chiesti come viene scelta la line up di un festival? Ascoltando tanta musica, ecco la risposta. E lasciandosi prendere dall’entusiasmo di far suonare in „casa“ propria gli artisti che più hanno colpito e fomentato. Quando un festival riesce a trasmettere calore è perché dietro la sua organizzazione e la sua line up ci sono queste dinamiche. Umane, verrebbe da dire. Spring Attitude appartiene certamente a questa categoria: ne è la riprova questo veloce botta e risposta con Andrea Esu, il suo direttore artistico, a cui abbiamo chiesto di parlarci di (quasi) tutti gli artisti in line up in questa edizione 2018. Una frase per ogni artista convocato, poche parole che fanno già essere pronti sottopalco ad ascoltare e ballare. Fidatevi. Appuntamento il 4 al Mattatoio, il 5 e 6 all‘Ex Dogana. Cliccate qui per la timetable day by day.

ARIWO
Una combo pazzesca, cubanoiraniana. Neanche ai mondiali di calcio ti può capitare una cosa così bella.

CAPOFORTUNA
Andate alla voce Jeremy Underground: sono i King del groove di questa edizione del festival.

CASINO ROYALE
Forse la band italiana che ho amato di più negli anni ‚0, erano anni che li volevo a Spring Attitude e finalmente è andata!

CRISTALLI LIQUIDI
Mi è bastato ascoltare la cover di „Tubinga“ di Battisti. Sarà uno dei live più belli e divertenti del festival

DEENA ABDELWAHED
È una delle belle novità di quest’anno, uno dei nomi che inizia a circolare nell’ambiente, tra l’altro la dj preferita di Laurent Garnier.

DEMDIKE STARE & MICHAEL ENGLAND
Ho sentito parlare benissimo della performance audio/video che hanno portato all’ultimo Sónar, sarà la stessa che faranno a Spring Attitude.

DJ COCO
Quante chiusure del Primavera Sound ci siamo fatti con lui? Quest’anno gli facciamo chiudere anche il venerdì notte a Spring Attitude.

DJ TENNIS
Conosco Manfredi da una vita, contentissimo di averlo di nuovo a Spring Attitude.

FRAH QUINTALE
Il disco italiano che mi è piaciuto di più nel 2017, roba fresca e super brillante. È stato il primo artista che ho chiuso per questa edizione, era dicembre 2017…

GEMELLO
Uno che dipinge, scrive, fa rap e ascolta prevalentemente post rock anni 90. Non poteva non suonare a Spring Attitude.

GIORGIO GIGLI & BICHORD
Un grande artista, oltre che un grande amico. Ascoltate bene il suo disco con Bichord perché è una perla wave di rara bellezza.

JEREMY UNDERGROUND
L’uomo giusto al momento giusto, per ballare, per sorridere, per lanciarsi trasportare da quella cosa che si chiama „groove“ e che lui sa creare come pochi.

LORENZO BITW
A Londra è considerato un grandissimo, a Roma in molti lo scopriranno e lo apprezzeranno.

LORENZO SENNI
Orgoglio italiano, immensa stima per lui.

MAIOLE
Bravo, fresco, intelligente, pop.

MAX COOPER
Un talento unico, il suo show è una delle cose migliori in circolazione.

M¥SS KETA
Come fai a non volergli bene?

NU GUINEA
Il disco giusto al momento giusto. „Nuova Napoli“ è un piccolo capolavoro e non vedo l’ora di vederli dal vivo, sarà una super band con 8 elementi!

ODEON
Con loro avevo una band alla fine degli anni 90 che si chiamava Cerchi n Nel Grano. Hanno una vena psichedelica come pochi, il loro live è un vero viaggio, suonano presto: non perdeteli per qualsiasi cosa al Modo.

PEGGY GOU
Regina di Instagram e vedrete che ci sa fare tantissimo anche dietro al mixer.

RROSE
Le sue produzioni sono fantastiche, curiosissimo di vederlo/a dal vivo.

THE MAGHREBAN
Uno dei dischi di elettronica contaminata più belli di quest’anno.

TSHEGUE
Sconosciuti, ma atomici: il loro live è travolgente, rimarrete a bocca aperta.