Vignarola

Ma che ce frega ma che c'importa

Geschrieben von Martina Di Iorio il 26 März 2020

Un piatto tipico della tradizione contadina del Lazio. Con gli ortaggi di stagione, il guanciale e il pecorino è il piatto che ci fa sembrare healthy anche in quarantena. Noi ci aggiungiamo anche un bicchiere di Castelli Romani bianco, che ci farà sentire in una di quelle osterie che non vediamo l’ora di rifrequentare. Come Ciciarà, ai piedi della Madonnina, che ci ha offerto questa ricetta della tradizione.

INGREDIENTI
1 fetta spessa di guanciale o lardo
100 g di piselli
100 g di fave
100 g di asparagi
3 carciofi
2 cipollotti
Lattuga romana
Vino bianco q.b.
Ciuffo di menta
Prezzemolo
Pecorino

PRODEDIMENTO
Pulire tutte le verdure. Tagliare a cubi il guanciale e metterlo a rosolare in padella con poco olio. Aggiungere i cipolotti tagliati fini e lasciar stufare dolcemente. Alzare la fiamma e aggiungere i carciofi tagliati a spicchi, una volta tostati sfumare con il vino bianco. Mettere i piselli, le fave e gli asparagi nella padella, salare e far cuocere lentamente per una decina di minuti, se necessario aggiungere del brodo o dell’acqua. Quando le verdure sono cotte aggiungere qualche foglia di lattuga romana tagliata grossolanamente, menta e prezzemolo tritato. Finire il piatto con qualche scaglia di pecorino se piace.