ven 12.10 2018 – dom 17.02 2019

VHS +: la mostra sul sogno elettronico nei centri sociali degli anni 90

Dove

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
Via Don Minzoni 14, 40012 Bologna

Quando

venerdì 12 ottobre 2018 – domenica 17 febbraio 2019

Quanto

€ 6/4

Negli anni Settanta l’arrivo del VHS cambiò la televisione permettendo una programmazione più veloce e una gestione più semplice del lavoro. Quarant’anni dopo la mostra VHS+ video/animazione/televisione e/o indipendenza/addestramento tecnico/controllo produttivo 1995/2000 progettata da Saul Saguatti e Lucio Apolito e curata da Silvia Grandi per la Project Room del MAMbo, ne mette in luce la capacità di essere ancora attuale in campo artistico nonostante il passare del tempo.
Diventato tra gli anni Ottanta e Novanta strumento di racconto per diversi linguaggi, il VHS trovò tra il 1995 e il 2000, una stagione di fertile sperimentazione e di cambiamento materiale e ideologico. Quegli ultimi cinque anni prima dell’avvento di internet e del montaggio non in linea videro la nascita di gruppi indipendenti di ricerca come Opificio Ciclope, Fluid Video Crew, Ogino Knauss, Otolab e Sun Wu Kung, che ne propri spazi sociali – rispettivamente: Link Project a Bologna, Forte Prenestino a Roma, CPA ExLonginotti a Firenze, Garigliano e Pergola a Milano – attraversarono il momento del passaggio dall’analogico al digitale esprimendo un’esigenza di gestione autonoma del mezzo, diversa sia dalla videoarte del tempo che dalla televisione. Una generazione di cosiddetti “amatori” che sulla scia della libertà tecnologica portata dalla musica elettronica unì video, animazione, grafica e mix delle fonti in diretta, con l’unico scopo di sperimentare.

La mostra ripercorre quelle esperienze con spezzoni di video, di programmi e di sigle televisive, videoclip e produzioni di videografica che si susseguono sulle pareti bianche dello spazio del MAMb. Un turbinio di stimoli che elimina qualsiasi potenziale narrativo e che catapultano lo spettatore in un flusso di immagini e suoni che obbligano a una visione multipla, poco lontana in realtà dagli attuali sistemi di visione quali smartphone, tablet e computer. Per averne un assaggio sul sito www.vhsplus.it è possibile consultare materiali di archivio e d’approfondimento.

L’esposizione sarà, inoltre, arricchita di contenuti speciali e proiezioni aggiuntive la prima domenica di ogni mese:
domenica 4 novembre 2018 programma a cura dell’associazione Home Movies;
domenica 2 dicembre 2018 programma Fluid Video Crew / Otolab;
domenica 6 gennaio 2019 programma Sun Wu Kung / Ogino Knauss; domenica 3 febbraio 2019 programma Opificio Ciclope.

Scritto da Guendalina Piselli